GIUNTA E ANNETTA – Intervista per scoprire il singolo NON VOGLIO CAMBIARTI

0
Artwork Non voglio cambiarti

Freschi freschi di nuova release Giunta e Annetta, inaugurano l’estate con il brano pop Non Voglio Cambiarti – abbiamo cercato di scoprire qualche curiosità sul pezzo attraverso un’intervista:

Ciao, benvenuti su Dailynews24! Ci raccontate com’è nata la vostra collaborazione? Com’è stato lavorare insieme al brano Non Voglio Cambiarti?

Ci siamo visti a dicembre, in un momento in cui stavamo entrambi affrontando delle situazioni difficili, e tra un bicchiere di vino e l’altro abbiamo scritto il ritornello. È stato tutto estremamente spontaneo e naturale, era ciò che ci andava di comunicare in quel momento, senza sapere cosa ne sarebbe stato. Non l’abbiamo scritta chiedendoci se sarebbe diventata un singolo di Giunta, di Annetta, o addirittura un featuring, volevamo solo dare voce a ciò che provavamo in quel momento, sostenerci a vicenda. E scrivendo abbiamo dimostrato di starci capendo l’un l’altra, è stato un momento tra due amici più che tra due artisti.

Quanto c’è di ognuno di voi nella canzone? 

Giunta: C’è tutto me stesso, come sempre c’è stato. Ritengo che la scrittura sia il mio personalissimo modo di trasmettere a chi non mi conosce i miei pensieri, più o meno profondi che siano, più o meno privati, dunque pongo sempre la luce su ciò che realmente mi accade. Tutti i miei testi sono stati finora racconti di vita personale.

Annetta: Ciò che ho scritto nella canzone, e nella mia strofa in particolare, è estremamente intimo per me, e pubblicarla è stato difficile. È divisa in due parti: il dolore e la rinascita. Nello scrivere la canzone, desideravo raccontare l’affetto per una persona speciale, dalla quale mi sono sentita ferita e che ora non fa più parte della mia vita. Perdere questa persona è stata un’opportunità per me per capire che, per spiccare il volo, avrei dovuto imparare dai miei stessi errori, così come dagli errori commessi nei miei confronti da parte di questa persona. Nel mio immaginario non c’è spazio per l’odio, e ricorderò sempre questa persona come qualcuno che mi ha aiutata a diventare una persona migliore. Mi auguro soltanto che possa trovare la propria strada ed essere felice. In questo senso, “Non Voglio Cambiarti” racconta il lasciare andare traumi e rimorsi per potersi finalmente riconciliare con sé stessi. D’altronde, sono l’unica persona con la quale passerò il resto della vita, e ho capito che prendermi cura di me stessa è la cosa più importante.

Giunta e Annetta

 Qual è il messaggio del pezzo?

Questa canzone parla di rinascita, liberazione. A volte la vita fa male, ma è questa stessa sofferenza a spronarci a superare la paura del vuoto e costruire il nostro aeroplano. Iniziamo a volare quando realizziamo che non possiamo cambiare nessuno, eccetto noi stessi. Non si può annullare il male, ma possiamo scegliere di utilizzarlo per diventare persone migliori, o quantomeno delle quali sentirci orgogliosi, così da liberarci della nostra stessa gabbia, e creare uno spazio in cui sentirci invincibili. 

Quale emozioni vorreste trasmettere con questa release?

Giunta: “Non Voglio Cambiarti” parla di libertà. Per potersi ritagliare il proprio spazio nel mondo bisognasentirsi liberi dalle proprie paure, dai limiti che ci auto imponiamo. Ci sono cose che non possiamo cambiare, e al posto di inseguirle, dobbiamo lasciare che le persone che amiamo compiano le proprie scelte. Io (ride) confido nel fatto che il tempo farà prendere la giusta scelta.

Annetta: Spero che la canzone riesca a trasmettere quella sensazione di ‘felice malinconia’ che ho provato io ascoltandola per la prima volta. Questa canzone mi fa riflettere ma anche sorridere, mi mette allegria e mi fa venire voglia di battere il piede a terra (ride). L’abbiamo scritta sfogandoci, ma questa canzone è stata scritta anche con l’intenzione di spronare le persone a rialzarsi e gioire della vita, nonostante il dolore provato. Si può essere tristi, ma non è forse meglio essere tristi ballando?

Potete ascoltare Non Voglio Cambiarti qui: