Isle of dogs: il ritorno di Wes Anderson

0

 

Classe 1969, un uomo immerso nella digital transformation che dona alle sue pellicole un curioso sapore vintage. Stiamo parlando di Wes Anderson, il regista texano, che sembra uscito da un fumetto, e che si definisce una persona molto poco tecnologica. Inseparabile dalle sue giacche di velluto dallo stile retrò, Wes è sicuramente poco “social”. Il regista è completamente assente dai più comuni network, quali Facebook e Twitter, ma ciò non fa di lui un conservatore o un retrogrado. Anderson, a modo suo,

Isle of dogs
Isle of dogs poster, fonte Den of Geek

è un “artista della tecnologia”, che definisce il cinema con il termine “craft”,artigianato, e che, con il suo stile innovativo, ci regala prospettive inedite su temi controversi, affrontati con classe. Dopo il successo del 2014 di Grand Budapest Hotel, che ha tutte le carte in regola per diventare un cult, abbiamo finalmente un nome e una data per il suo prossimo lavoro. Isle of dogs sarà il suo secondo film realizzato in stop motion, dopo il geniale Fantastic Mr Fox del 2009, e il suo debutto è previsto per il 20 aprile 2018. Il nuovo progetto è ancora avvolto nel mistero, come il suo ideatore. Il film sarà ambientato in Giappone e il protagonista sarà un curioso ragazzino, che intraprende un’odissea alla ricerca del suo amato cane. Il poster, rilasciato da poco, ha eleganti caratteri orientali, ma soprattutto nomi illustri. A dare voce alla fantasia del regista è, infatti, un cast stellare, tra cui Bryan Cranston, Bill Murray, Edward Norton, Scarlett Johansson, e l’inaspettata Yoko Ono. Nella lunga attesa, i fan si possono consolare con un video di presentazione rilasciato dal regista su Crowdrise a supporto della Film Foundation di Martin Scorzese, un’associazione no profit che si occupa di restaurare e preservare pellicole dimenticate. Un fortunato donatore potrà, infatti, visitare il set del film e prestare la voce a uno dei personaggi.