Istituto A.Diaz dedica un aula al suo alunno più famoso: Pino Daniele

0

diaz-pino-daniele-2

Era settembre 1969 quando un ragazzo pienotto, ben vestito e curato grazie anche alle zie Lia e Bianca, mise piede in un aula dell’istituto tecnico commerciale “Diaz” per poi finire gli studi completamente idonei nel 1975. Questo ragazzo era Pino Daniele e il Diaz lo ricorderà con una targa nella sua che fu aula dei 5 anni di superiori. Tutto ciò accadrà martedì 12 aprile, alla presenza della cerimonia saranno presenti il sindaco Luigi de Magistris, l’assessore Nino Daniele (stesso cognome ma nessun legame familiare) e il fratello Nello Daniele, l’ultimo dei 7 figli, artefice del successo “Je sto vicino a te-61” tenutosi lo scorso 19 marzo al Palapartenope per il 61esimo compleanno del cantautore napoletano. Sono tanti i messaggi di piacere e felicità arrivati dalla gente del posto e dagli attuali studenti del “Diaz” sulla targa dedica a Pino Daniele. L’attuale preside ricorda Pino Daniele per la sua grandezza musicale e per aver avuto un alunno illustre e un orgoglio per l’istituto, uno degli edifici più antichi situato in una delle vie più storiche di Napoli, dove intrecci di storie, fantasmi e presepi fanno parte della leggendaria via della città. Inoltre Pino sulle scale del “Diaz” ci suonava la chitarra insieme agli amici di infanzia che poi sarebbero diventati altrettanti illustri come E.Gragnaniello, R. Zurzolo e Tony Cercola. Questa è una delle tante iniziative che il comune di Napoli ha in mente per Pino Daniele. Dopo la dedica con Via in DonnaAlbina (ora Via P. Daniele) il comune pensa anche un piazza o perchè no come dicono in tanti o le varie iniziative sui social, dedicare al cantautore napoletano l’aereoporto di Capodichino. Lo scorso febbraio a un mese dopo la morte, il primo cittadino Luigi de Magistris pose nelle mani del figlio Francesco (il terzo avuto dalla seconda moglie Fabiola Sciarabassi) le chiavi della città.