Itinerario COMPLETO per una vacanza balneare sulla costa del Salento

0
salento
salento

Il Salento è una terra cantata da poeti e cantanti; territorio conosciuto per le sue bellezze naturali, si divide tra campagna e mare: la costa è un mix di posti meravigliosi da visitare, che porta il turista alla scoperta di un mondo magico.

Il colore cristallino delle acque e la purezza del territorio rendono il Salento un luogo da vivere ed assaporare con tutti i sensi: la vista per perdersi nell’essenza di panorami senza fine, l’udito per ascoltare il suono delle onde, l’olfatto per gradire gli odori di una terra dai mille sapori, dotata di una cultura gastronomica di un certo rilievo. Un buon punto di partenza per lanciarsi in tutte queste scoperte e fare una vacanza che permetta di visitare tutto il Salento, è il villaggio www.arcodelsaracino.it.

Al fine di offrire una guida dettagliata, seppur breve, dei principali punti da visitare allo scopo di realizzare una vacanza balneare in Salento, a seguire è possibile consultare un piccolo itinerario sul miglior percorso da scegliere per godere delle bellezze della costa.

La costa del Salento: San Cataldo

Non si può scegliere di fare una vacanza in Salento senza visitare Lecce, una città incantevole dove è possibile accedere alle coste di San Cataldo.

San Cataldo è il luogo ideale per chi, non volendo allontanarsi troppo, desidera godere della bellezza di un mare cristallino e arricchire la propria cultura storica visitando gli antichi borghi e palazzi tipici del territorio.

Tra i punti di forza di San Cataldo vanno annoverati:

  • La riserva delle “Cesine” posta sotto la tutela del WWF: si tratta di un piccolo angolo naturale che si è cercato di lasciare incontaminato nel corso degli anni, meraviglioso da visitare per la grande varietà di piante ed alberi;
  • La spiaggia libera “San Cataldo”: si tratta di una spiaggia di notevoli dimensioni a cui è possibile accedere liberamente, senza alcun costo; facile da raggiungere, ha il vantaggio di possedere un parcheggio;
  • “La città fortificata di Acaya”: il Salento non è solo mare; chi ama la storia può visitare, a breve distanza da Lecce, presso Vernole, una vecchia ed antica città fortificata; si tratta di uno dei pochi esemplari di città fortificata rimasto intatto nel tempo, i cui resti ben conservati permettono di ritornare con la fantasia indietro nella storia.

La costa del Salento: Porto Badisco

Una tappa da non perdere per chi decide di fare un viaggio lungo la costa in Salento è Porto Badisco, situato nella località di Otranto, conosciuto – secondo la leggenda greca – come il porto dove il mitico Enea trovò sbarco.
A riguardo, nella Grotta dei Cervi, è possibile ammirare gli affreschi che narrano della venuta di Enea.

Zona rocciosa, Porto Badisco è una piccola realtà del Salento caratterizzata da un mare dai colori brillanti, dove è possibile – per i più temerari – nuotare fino a raggiungere anfratti e increspature rocciose da cui osservare il panorama.
Favorite sono le escursioni nelle grotte del luogo:

  • La Grotta “Zinzulusa”: è la metà per eccellenza del turismo locale; è possibile accedere alla grotta mediante l’utilizzo di piccole imbarcazioni, per tuffarsi nelle acque e scrutare il fondo marino;
  • La Grotta “Funeraria”: è una grotta dai sapori antichi; qui sono stati rinvenuti reperti appartenenti all’epoca del Neolitico;
  • La Grotta “Fraula”: non solo una grotta, ma un luogo dove risiedere per una minivacanza; è, infatti, possibile soggiornare oltre che visitare la grotta.

La costa del Salento: Porto Cesareo

Il Salento è ampiamente noto per Porto Cesareo, una sorta di paradiso, dove il mare cristallino si combina a spiagge dalla sabbia fine, candida e bianca come neve, dove perdersi nell’orizzonte e specchiarsi nelle acque nitide del mare.

Una sorta di paesaggio tropicale made in Italy, ideale per chi ama il mare e non vuole spostarsi verso mete lontane.

Porto Cesareo conserva le sue tradizioni, un’economia nata e sviluppata con la pesca, dove lo scenario è arricchito dalle numerose abitazioni dei pescatori del luogo, pesce fresco per piatti succulenti e della tradizione pugliese.

Tra le cose da non perdere a Porto Cesareo vanno segnalate:

  • “L’isola dei conigli”: si tratta di un isolotto di vaste dimensioni, la cui peculiarità è che vi si può accedere percorrendo il fondale a piedi; l’acqua è, infatti, molto bassa e permette di camminare anziché nuotare; luogo ideale per scampagnate;
  • La spiaggia delle “Dune”: tra le numerose spiagge presenti nel luogo, la più particolare è quella delle Dune; si tratta di artifici naturali che separano la spiaggia dalle altre e ne fanno un luogo intatto da abusivismi;
  • “Torre Cesarea”: chi ama la storia non può fare a meno di visitare un antico possedimento del popolo saraceno, ovvero la Torre Cesarea, che sovrasta Porto Cesareo; un insieme di torri collegate l’una all’altra da dove ammirare la città.

La costa del Salento: Gallipoli

Un viaggio in Salento non può non includere una visita a Gallipoli, luogo di villeggiatura per eccellenza, scelto dai residenti del luogo, e meta sempre più ricercata dai turisti.

Piccola cittadina incontaminata, si caratterizza per il suo mare incantevole e per essere un borgo a portata di famiglia, ma anche di giovani, grazie alle numerose attività commerciali destinate all’intrattenimento diurno e notturno.

Tra le innumerevoli attrazioni presenti a Gallipoli vanno citate:

  • Il lido di “Baia Verde”: non si tratta solo di un incantevole angolo di paradiso, ma di un vero e proprio locale aperto destinato al divertimento diurno.
    La giornata sulla spiaggia è animata dalla presenza dei migliori DJ, musica dance, balli di gruppo, giochi da spiaggia;
  • Le discoteche: la vita notturna è garantita dalla presenza di discoteche per ogni gusto musicale; tra i locali più all’avanguardia meritano menzione Punta Pizzo, Punta della Suina, Baia Verde, Rivabella, Lido Conchiglie e Padula Bianca.

Costa del Salento: Porto Selvaggio

Nella zona più a nord della costa del Salento si erge Porto Selvaggio; si tratta di una località di mare un po’ fuori mano, la cui peculiarità è che l’acqua del mare è leggermente più fredda; la zona è strutturalmente poco attrezzata per la vita cittadina.
Tali caratteristiche ne fanno un luogo di pace e solitudine per chi cerca una vacanza tranquilla e non stressante.

La zona rocciosa non prevede una classica spiaggia; qui, per chi ama nuotare, è possibile accedere ad anfratti di rocce da cui ammirare la bellezza dei panorami.

La spiaggia, seppur rudimentale, è dotata dei servizi igienici di prima necessità e di angoli per ristorarsi all’ombra.

Posti imperdibili da visitare una volta giunti a Porto Selvaggio sono:

  • “La Baia di Porto Selvaggio”: si tratta di un posto incontaminato, un piccolo angolo di relax raggiungibile facilmente a piedi, dove godere della profondità del mare e delle bellezze storiche dei ritrovamenti della zona;
  • “Santa Caterina”: un mix perfetto tra mare e natura, dove la ridente pineta si confonde con l’armonia del sito.