Juventus a -9 dalla vetta: scudetto possibile o no?

0

Settimo posto a nove punti dalla vetta. Posizione alquanto anomala per i bianconeri, vista l’abitudine negli ultimi anni a guardare la classifica sempre dall’alto verso il basso. Le pesanti cessioni estive di Pirlo e Tevez pesano molto in tutto ciò. I giovani entrati in gruppo hanno talento, molto. Ma ciò non basta per sostituire il carisma di Pirlo e l’imprevedibilità di Tevez, trascinatore della Juventus fino alla finale di Berlino.
La vetta però non è utopia: passate 12 giornate di campionato, i bianconeri distano 9 lunghezze rispetto alle capoliste Inter e Fiorentina, il tempo utile per recuperare questi punti c’è eccome, contando il doppio scontro diretto con i viola ancora da giocare (16° e poi 32° giornata). Pensando a breve termine, sabato prossimo c’è il Milan, anche lui davanti alla Juventus di due punti. I bianconeri potranno sfruttare questo match per fare un passo in avanti e conquistare pian piano punti in classifica, ma tutto non dipenderà da loro. La solidità difensiva dei nerazzurri e il bel gioco di Paulo Sousa, seguiti a un punto dalla Roma, garantiscono tanti punti alle prime tre squadre che attualmente stanno ai vertici alti della classifica. Poi il Napoli, a 25 punti (due dalla vetta), che sembra una macchina da goal.
Il compito di Allegri sarà difficile, vista l’abbondanza di squadre che lottano per il titolo. I bianconeri dovranno sfruttare ogni minimo passo falso delle avversarie per rosicchiare punti e portarsi ai piani alti della classifica. Poi, come dice Allegri, i conti si fanno a Marzo. Ci sono ancora tre mesi e mezzo per recuperare. Vista la sua rosa, la Juve punta sicuramente al titolo, o perlomeno a stare in zona Champions. Per ora, è mancata la determinazione e il cinismo avuti gli anni passati. A marzo chi lo sa.