Juventus: Allegri rinnova fino al 2017

0

Massimiliano Allegri rinnoverà presto con la Juventus. Secondo La Gazzetta dello Sport, infatti, a fine maggio il tecnico prolungherà fino al 2017. Momento d’oro per i bianconeri: in campionato è vicinissimo il quarto scudetto consecutivo ed in Champions League ci si prepara ad affrontare una Semifinale affascinante contro il Real Madrid campione in carica. L’autore di questa ‘cavalcata trionfale’ porta il nome di Massimilano Allegri, ora sempre più nelle grazie dei tifosi juventini e punto fermo della dirigenza di Madama anche per le prossime stagioni.

Arrivato tra le critiche, contestato sin dall’inizio, il tecnico livornese ha preso il posto del ‘condottiero’ Antonio Conte che aveva portato la Juventus a vincere lo scudetto per tre stagioni consecutive. L’ex allenatore del Milan, esonerato dalla dirigenza rossonera, è stata invece per quella juventina una scelta moderata e votata al rinnovo di un progetto tecnico destinato a cambiare dopo l’addio improvviso di Conte. Una scelta che ora, a posteriori di una stagione esaltante per i colori bianconeri, viene premiata dai risultati e dal bel gioco espresso dalla squadra.

Non stupisce dunque che Massimiliano Allegri possa rinnovare presto il suo contratto con la Juventus, lasciando sempre più impressa nella memoria bianconera il suo nome. La speranza per il tecnico toscano è quella di ricalcare le orme di altri illustri predecessori, come ad esempio il viareggino ‘DOC’ Marcello Lippi – che ha portato per ultimo la Juventus in Semifinale di Champions League, nel 2003 e proprio contro il Real Madrid -, anche se ora la mente è proiettata verso il presente. I bianconeri sono ad un passo dalla conquista del quarto scudetto consecutivo e mancano ormai pochi giorni dall’attesissima sfida contro i campioni d’Europa in carica del Real Madrid in Europa.

Se “chi ben comincia, è a metà dell’opera” direi che per la Juventus, per i suoi tifosi e per la dirigenza bianconera l’avventura con Massimiliano Allegri regalerà ancora molte soddisfazioni. Fino al 2017, poi si vedrà.