Juventus-Barcellona, Sacchi è sicuro: “Il Barcellona si può battere, ecco perchè”

0
Arrigo Sacchi, fonte Flickr
Arrigo Sacchi, fonte Flickr

Arrigo Sacchi ha voluto dire la sua sulla sfida di stasera tra Juventus e Barcellona, mostrando un certo ottimismo e svelando i motivi per cui i bianconeri devono crederci a tutti i costi, ecco le parole rilasciate a La Gazzetta dello Sport:

“Juve ha un’opportunità unica: sconfiggere un Barcellona attualmente altalenante e, allo stesso tempo, rinforzare i propri status e autorevolezza in campo internazionale. Una vittoria contro i famosi Messi, Neymar, Suarez, Iniesta, eccetera farebbe crescere prestigio e autostima, aumentando le possibilità di successo in Champions. Bisogna però credere all’impresa con una determinazione feroce e senza timori. Il Barcellona non vale oggi gli uomini di Allegri per entusiasmo, spirito di squadra, forza e condizione fisica, determinazione, motivazioni e persino collettivo. Oggi ai blaugrana sono rimaste la storia e le individualità, ma la squadra del possesso palla, del pressing e dell’alta strategia di gioco è scomparsa: ora il gruppo è stanco, con scarso entusiasmo e poca voglia di stupire. L’atteggiamento rinunciatario e timido del Psg è stato innanzitutto il fattore scatenante dell’exploit catalano culminato con il 6-1. Essere passivi contro gli spagnoli in generale è molto pericoloso, ma lo è ancor di più contro campioni come Messi e compagni, che si esaltano se gli si dà spazio e tempi di gioco. Il Barça odierno non solo è lontanissimo dalla grandissima squadra di Guardiola, che vinceva annientando gli avversari, ma dista molto anche da quello che due anni fa sconfisse la Juve. È rimasto assai poco dello stile di gioco e della cultura propositiva che alimentava e ingigantiva i campioni catalani. Messi, Neymar e Suarez, non supportati da motivazioni straordinarie e con un gioco di là da venire, non riescono più a battere neppure rivali modeste come Deportivo e Malaga. Il compito della Juve in ogni caso non sarà semplice”.