Juventus, Allegri studia le mosse per arginare la minaccia Atletico Madrid

La Juventus dovrà fronteggiare l'Atletico Madrid e per l'occasione Allegri sta studiando le mosse per arginare il pericolo spagnolo

0
Juventus, Juve fonte Flickr
Juventus, Juve, fonte Flickr

Si avvicina sempre più il match di Champions League che vedrà in campo le squadre italiane.
A difendere i colori dell’Italia nella coppa dalle grandi orecchie ci saranno anche i bianconeri.

La Juventus dovrà vedersela con uno dei top club spagnoli, l’Atletico Madrid di Simeone.
Un’avversario ostico e che potrebbe creare qualche problema alla compagine bianconera, ma che resta alla portata della squadra di Max Allegri.

Per l’impegno imminente, Allegri sta studiando le prossime mosse da adottare per arginare la squadra spagnola.
Il tecnico italiano sta pensando di adottare un jolly, capace di sorprendere e dare imprevedibilità alle azioni bianconere.

Juventus, Cancelo l’asso nella manica di mister Allegri

E’ il portoghese l’arma in più di questa Juventus, che Allegri giocherà per scardinare la resistenza del club spagnolo.

Cancelo, nelle idee del mister, abbandonerà il ruolo di terzino di difesa per essere impiegato in una posizione più offensiva.
Lui sarà uno dei tre che comporrà il tridente della squadra bianconera, così da poter sfruttare a pieno il suo passo e la sua velocità.

Una mossa che spera di prendere alla sprovvista gli spagnoli e che permetterà al tecnico di introdurre forze nuove anche in difesa.

L’avanzamento di Cancelo spinge mister Allegri a dover schierare un terzino per sostituirlo ed il ballottaggio è tra Caceres, neo acquisto bianconero, e De Sciglio.

Una ardua scelta che sarà sciolta solo pochi minuti prima della rifinitura finale, perchè entrambi hanno buone possibilità di giocare questo importante match.
L’italiano ha scalato posizione nell’ultimo anno, ed ha conquistato la fiducia del tecnico, che spesso lo adopera negli undici titolari.

Caceres invece è tornato alla Juventus dopo l’esperienza con la Lazio, che gli ha regalato più ombre che luci in verità.
Ora l’uruguaiano è tornato alla base, mettendosi a disposizione della squadra e del tecnico.