Juventus, confermato Allegri

0
Massimiliano Allegri fonte foto: Di Photo by goatlingCropped by Danyele - Flickr (original photo), CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=43735258
Massimiliano Allegri fonte foto: Di Photo by goatlingCropped by Danyele - Flickr (original photo), CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=43735258

Era una notizia scontata ma, si sa, nel calcio finché non si firmano i contratti, non c’è nulla di sicuro. Nel frattempo che la Juventus sta tentando l’attacco a Isco, è stato rinnovato il contratto di Massimiliano Allegri fino al 2018. Lo stipendio dell’ex tecnico del Milan è passato da 3,5 milioni di euro all’anno a 5, divenendo il più alto della serie A.

Un rinnovo a furor di popolo. E pensare che all’inizio fu accolto con tanto scetticismo. Arrivato nel luglio del 2014 al posto di Conte, pochi erano convinti della scelta di Marotta poiché Allegri veniva da un esonero al Milan. E invece l’ex allenatore del Cagliari ha dimostrato sul campo di sapere il fatto suo: al primo anno rischiava di fare il Triplete, emulando l’Inter di Mourinho. La Juventus, infatti, nella stagione 2014/15 vinse il campionato e la Coppa Italia fermandosi in Champions League soltanto in finale. Quest’anno, invece, soltanto i 15 minuti di follia al ritorno contro il Bayern Monaco non hanno permesso alla Juventus di passare il turno. L’obiettivo è ormai chiaro a tutto: vincere la Champions League. Un trofeo che a Torino manca dal 1996, quando Lippi ai rigori sconfisse l’Ajax. Il goal per la Juventus nei tempi regolamentari lo segnò Ravanelli. Praticamente un’altra era.