Juventus, Emre Can chiede un confronto con la dirigenza: il tedesco vuole l’addio

Il centrocampista della Juventus ha chiesto un colloquio con la società per valutare l'addio

0
Juventus, fonte Pixabay
Juventus, fonte Pixabay

Sembrava sul punto di tornare in campo, almeno per la sfida di Coppa Italia, ma niente da fare: Emre Can è rimasto in panchina anche nella vittoria sull’Udinese, grazie alla quale la Juventus ha staccato il pass per i quarti di finale. Segnale chiaro ed evidente di come per il tedesco non ci sia più spazio.

MINUTAGGIO – L’ultime ultime gare da titolare le ha giocate a ottobre contro Lecce e Sassuolo, poi tanta panchina, come dimostrano i soli 279 minuti in otto gare di campionato e le zero apparizioni in Champions League.

INDISPONIBILI – Una situazione particolare considerando l’emergenza della Juventus in mediana, con Sarri costretto a fare i conti con l’infortunio di Khedira e la lunga squalifica di Bentancur. Anche quando Ramsey, Pjanic o Matuidi hanno riposato, al centrocampista tedesco è stato preferito Bernardeschi adattato a mezzala.

CONFRONTO – La separazione nel mercato di gennaio pare inevitabile e, stando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport, il giocatore ha chiesto ai bianconeri un confronto in tempi brevi per valutare l’addio. Sulle tracce del tedesco c’è il Paris Saint-Germain.