Juventus, Exor ricaverà 500 milioni dai dividendi in partecipazioni

0

Exor, la holding della famiglia Agnelli che controlla direttamente la Juventus, Fiat-Chrysler, e Ferrari, nel 2017 potrebbe incassare una cifra superiore ai 500 milioni di euro ricavata dai dividendi, contro i 330,9 milioni che dovrebbero essere incassati nell’esercizio in corso (2016).

Secondo quanto riportato da un’analisi preparata da Mediobanca Securities, la cifra sopraccitata potrebbe essere utilizzata da Exor per abbattere il debito di 4,2 miliardi alla data del 31 marzi 2016 sottoscritto per l’acquisizione di una delle maggiori compagnie d’assicurazione a stelle e striscie. L’obiettivo -si legge in una lunga analisi sui conti della holding pubblicata da Affari & Finanza – è quello di raggiungere un loan to value (il rapporto tra i debiti e gli asset) pari allo 0,20 che è il livello che Standard & Poor’s richiede per dare alle emissioni societarie la pagella.

Le risorse utilizzate per alimentare le operazioni economico-finanziarie di Exor, in particolare per l’ultima acquisizione dell’assicurazione Partner Re derivano proprio dalla stessa, la quale dovrebbe garantire un guadagno di 153 milioni di euro. Un’altra parte deriva dal tabloid statunitense Economist: si parla di circa 47 milioni di euro. Dovrebbe invece ridursi il contributo di CNH, la società che produce camion (Iveco) e veicoli industriali, che secondo le stime di Mediobanca girerà ad Exor 47,7 milioni rispetto ai 73,4 milioni dell’esercizio in corso.

Il contributo di Ferrari dovrebbe aggirarsi sui 20 milioni di euro, mentre il colosso dell’automotive FCA rimarrà escluso dalla ripartizione.