Juventus, guai per l’ex Zebina: rischia un anno e mezzo di carcere

0
Vecchio logo Juventus, fonteDi Titanium86 - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17594969
Vecchio logo Juventus, fonteDi Titanium86 - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17594969

Guai in vista per Jonathan Zebina, l’ex difensore di Roma e Juventus rischia fino ad un anno e mezzo di carcere per frode fiscale. Il procuratore della Repubblica di Avignone ha chiesto una pena severissima per il francese, che, secondo l’accusa, avrebbe deciso di non versare volontariamente le imposte dal 2011 al 2013, anni in cui ha militato nel Brest e nel Tolosa. Secondo alcuni media il difensore avrebbe risposto alle accuse facendo riferimento al fatto che, quando giocava in Italia, le tasse si pagavano direttamente alla fonte, mentre in Francia il meccanismo è diverso.

«Quando sono tornato in patria non mi sono mai preoccupato. Pensavo che il sistema fiscale funzionasse allo stesso modo». Queste le parole di Zebina, che dal 2014, anno del suo ritiro, ha iniziato una nuova attività basata sulla compravendita di opere d’arte. La sentenza definitiva è attesa per il prossimo 16 ottobre, vedremo se la pena sarà ridotta o confermata. Zebina in Italia ha giocato per 14 anni con le maglie di Cagliari, Roma, Juventus e Brescia, vincendo una scudetto e una supercoppa con i giallorossi nel 2001, un campionato di A con la vecchia signora nel 2004-05, poi revocato, e un campionato di Serie B sempre con i bianconeri nella stagione 2006-07.