Juventus, offerta da 60 milioni per Alex Sandro: Mendy la prima alternativa, De Sciglio defilato

0
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500,

Alex Sandro è finito nel mirino dei grandi club europei, su tutti il Chelsea di Antonio Conte. L’amministratore delegato della Juventus Giuseppe Marotta ai microfoni del Corriere dello Sport ha svelato importanti retroscena di mercato, uno dei quali relativo proprio al terzino brasiliano: “Per Alex Sandro abbiamo ricevuto un’offerta da 60 milioni da parte del Chelsea. E, per la cronaca, l’abbiamo rifiutata. Dopodiché, se lui ricevesse una proposta di stipendio troppo alta per noi, allora…“. Parole quelle di Marotta che mostrano la volontà della società di tenere il brasiliano, ma allo stesso tempo l’impossibilità di trattenerlo qualora l’offerta contrattuale di un altro club sia troppo alta e il giocatore decidesse di sua spontanea volontà di andare via.

Nel frattempo la Juventus è già alla caccia di possibili sostituti, il primo obiettivo in caso d’addio di Alex Sandro è Benjamin Mendy, 22enne terzino del Monaco, visionato con attenzione nelle due gare con i francesi in Champions. Il costo del cartellino si aggira sui 30 milioni, cifra che la Juventus non avrebbe problemi ad offrire qualora entrassero i soldi ricavati dall’addio di Alex Sandro. L’alternativa al francese è De Sciglio, terzino del Milan in scadenza di contratto nel 2018, il costo del cartellino in questo caso è ridotto, si parla di 15 milioni di euro.