La Juve punta Manuel Pellegrini per sostituire Allegri che andrà al Chelsea

0
Manuel Pellegrini accostato alla Juventus dal Daily Express, Foto FourFourTwo
Manuel Pellegrini accostato alla Juventus dal Daily Express, Foto FourFourTwo

La stampa inglese in questi giorni è assolutamente monotematica. Due sono gli argomenti che più stimolano i giornalisti d’oltremanica: la grandissima stagione del Leicester che potrebbe essere la sorpresa dell’anno e Massimiliano Allegri accostato al Chelsea. Ieri però sono andati oltre. In particolare è il Daily Express che si è spinto al di là con un’esclusiva addirittura su chi sarebbe il successore di Max alla guida della Juventus e i bianconeri pescherebbero un altro manager stesso dalla Premier League, che a partire da luglio sarà disoccupato. Stiamo parlando di Manuel Pellegrini, attuale allenatore del Manchester City, che il 30 giugno lascerà il suo armadietto per fare spazio a Pep Guardiola. Per il giornale inglese l’addio di Massimiliano Allegri è quasi certo (salvo un ballottaggio con un altro italiano ed ex Juve ovvero Antonio Conte) e quindi è spuntato il nome del tecnico cileno. Secondo quanto riportato dal Daily Express quindi, Marotta avrebbe già contattato Pellegrini per sondare la sua disponibilità a trasferirsi a Torino. Questi, pur avendo origini italiane, non è mai riuscito ad approdare in Italia e le sue più importanti avventure sono state al Real Madrid (è stato il primo allenatore del nuovo ciclo di Florentino Pérez ma non è comunque riuscito a conquistare nessun titolo a Madrid) e al Manchester City dove è riuscito a vincere la Premier due anni fa, e chissà che quest’anno non riesca a rimontare i punti di svantaggio proprio dal Leicester di Claudio Ranieri. Le speculazioni sul prossimo allenatore di Chelsea e Juventus in ogni caso continuano e per ora non sono destinate a trovare una soluzione a breve termine. Molto probabilmente i tifosi bianconeri non vedranno di buon’occhio questa notizia visto che Manuel Pellegrini non gode di buona fama internazionale sia per colpa del calcio che esprime (quasi sempre poco spettacolare e poco concreto) che per il suo Palmarès.