Juventus, retroscena Mandzukic: ecco perché si è fatto espellere

0
Mario Mandzukic sul suo profilo Twitter
Mario Mandzukic sul suo profilo Twitter

Nei primi 26 minuti di gioco della gara tra Udinese e Juventus è successo di tutto, i bianconeri sono partiti male e sono andati in svantaggio grazie al gol di Perica, ma poco dopo hanno ribaltato il risultato grazie all’autorete di Samir e al gol dello straordinario Khedira, che a fine gara si porterà il pallone a casa per i tre gol messi a segno. Tra i più delusi domenica sera c’era sicuramente Mario Mandzukic, l’attaccante croato al minuto 26 si è fatto espellere per doppia ammonizione lasciando i compagni in inferiorità numerica per più di un’ora, episodio che fortunatamente non ha condizionato il risultato, con la gara terminata 6-2 per i bianconeri.

NERVOSISMO- Manduzkic non ha mandato giù la decisione dell’arbitro Doveri, colpevole di non aver visto un rigore netto causato da un fallo in area di Adnan. Il croato ha cercato di spiegare l’accaduto al direttore di gara, andando su tutte le furie nel momento in cui gli è stato mostrato il primo cartellino giallo e il conseguente rosso a causa della sua reazione spropositata. In realtà il nervosismo di Mandzukic nasce ancor prima dell’espulsione, già in occasione della rete di Khedira Adnan era stato autore di un fallo durissimo sulle gambe dell’avversario, un intervento a forbice che meritava il cartellino arancione e su cui l’arbitro aveva erroneamente sorvolato. Un gesto che ha scatenato l’esplosione di rabbia dell’attaccante, fortunatamente senza conseguenze gravi per la Juventus.