La Coppa D’Africa “terrorizza” il Napoli: possibili mosse legali in vista

0
ADL
Aurelio De Laurentiis, foto di flickr.com

Il Napoli non si ferma più. Dopo le sei vittorie consecutive in campionato nelle prime sei giornate, Luciano Spalletti sta preparando la partita di giovedì contro lo Spartak Mosca per conquistare i primi tre punti nel girone dell’Europa League dopo il pareggio dell’esordio contro il Leicester. Domenica, invece, il Napoli andrà alla ricerca della settima consecutiva fuori casa contro la Fiorentina.

Tuttavia, c’è un’ombra che incombe sull’ottimo momento e sul primato in classifica degli azzurri: la Coppa D’Africa. Tra i tifosi, non si parla d’altro. Sono già tutti consapevoli che per quasi un mese dal 9 gennaio al 6 febbraio la rosa del Napoli improvvisamente perderà pezzi da novanta.

Koulibaly, Anguissa, Osimhen e molto probabilmente Ounas lasceranno il centro di Castel Volturno per unirsi alle loro Nazionali che disputeranno la trentatreesima edizione della competizione che quest’anno sarà ospitata dal Camerun. Stiamo parlando, dunque, della spina dorsale del Napoli: il difensore centrale insostituibile, il nuovo metronomo del centrocampo e il bomber indiscusso della squadra.

Probabilmente ci sarà poco da fare e bisognerà rassegnarsi, ma in città circolano già le prime voci sulle possibili mosse legali che il Napoli potrebbe intraprendere per evitare quest’indesiderata diaspora.

Ecco quanto riportato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport: “Il nuovo incubo si chiama Coppa d’Africa. La competizione che si disputerà in Camerun dal 9 gennaio al 6 febbraio. E cui la squadra di Spalletti dovrà contribuire con i tre giocatori simbolo: Koulibaly, Anguissa, Osimhen. Oltre agli algerini Ounas e Ghoulam nonché a Malcuit che ha origini mauritane e marocchine con passaporto francese. Mezza squadra. Non a caso, in città, da giorni si alternano pareri di legali che provano a cercare escamotage per sfuggire alla convocazione”.