La favola di “White God” al cinema con 274 cani

0
Lili e Hagen di White God - Sinfonia per Hagen
White God – Lili e Hagen

“White God – Sinfonia per Hagen” è  il lungometraggio vincitore del premio Un Certain Regard alla 67° edizione del Festival di Cannes uscito ieri nelle sale italiane.

Diretto dal regista ungherese Kornél Mundruczó, il film è un racconto dagli accadimenti straordinari, quasi fantastici: un provvedimento mira a stabilire una disciplina più rigida nell’allevamento dei cani in quanto, per favorire i cani di razza, una tassa molto pesante entra in vigore per gravare sui cani meticci. Ne consegue che molti proprietari iniziano ad abbandonare i propri cani e anche la povera Lili, costretta dal padre, finisce per lasciare il suo amico a quattro zampe Hagen in mezzo alla strada. Hanno così inizio una serie di eventi e disavventure che vedono come protagonisti i due cari amici nell’estremo tentativo di ritrovarsi.

Il film, simbolo dell’eterna lotta tra le specie superiori ed i loro subalterni, vede la recitazione non solo della tredicenne Zsófia Psotta (Lili), ma anche di ben 274 cani, addestrati a seguire le indicazioni registiche come fossero attori umani.

Una vera e propria favola odierna è narrata: degli animali, dei cani, si riuniscono in un abbraccio solidale per cercare di guadagnare giustizia in un mondo dove gli emarginati non hanno diritti. Non potendosi esprimere, cercano e trovano possibilità espressiva nella piccola Lili.

 

Ecco di seguito una clip tratta dal film “White God – Sinfonia per Hagen”, I cani attaccano la città: