La Groenlandia si sta sciogliendo. Trump: ‘la compriamo noi’

Desta preoccupazione il superamento della soglia media di scongelamento. Ma gli USA confermano di voler comprare l’isola vista come un “grande affare immobiliare"

0
Greenland

L’isola della Groenlandia in groenlandese Kalaallit Nunaat, (Terra degli uomini) sta rischiando di divenire la “terra dei mari” visti gli ultimi preoccupanti scongelamenti dei suoi ghiacciai. L’isola si sta scongelando difatti la sua calotta glaciale sta perdendo progressivamente volume: l’ultima misurazione risale al 4 agosto scorso quando ha perso circa 7,6 gigatonnellate di ghiaccio, da sommare alle 8,5 perse nei pochi giorni precedenti. È stata così superata la media giornaliera che dovrebbe essere di 4 gigatonnellate.

Questi sono i dati allarmanti diffusi da Polar Portal, che ha pubblicato i monitoraggi degli istituti di ricerca danesi.

Grafico delle temperature dei ghiacciai della Groenlandia – Polar Portal

Il grafico illustra lo sviluppo mese per mese delle variazioni di massa misurate in gigatonnellate, Gt (1 Gt è 1 miliardo di tonnellate o 1 km3 di acqua) e come questa perdita di massa di ghiaccio corrisponda al contributo dell’innalzamento del livello del mare.

Sulla base di questi dati, si può vedere che nel periodo 2003-2011 la calotta glaciale della Groenlandia ha perso 234 km3 di acqua all’anno, corrispondente a un contributo annuale all’aumento medio del livello del mare di 0,65 mm.

Ma in tutto ciò agli USA sono interessati, non allo scioglimento dell’isola ma a comprarla. Già nei giorni scorsi un articolo del Wall Street Journal aveva raccontato dell’intenzione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di acquistare per conto degli Stati Uniti la Groenlandia, la grande isola che fa parte della Danimarca.

In un intervista pubblicata da CBNews su twitter il Presidente americano ha dichiarato «Siamo ottimi alleati della Danimarca, proteggiamo la Danimarca come proteggiamo gran parte del mondo. È venuta fuori questa idea e ho detto “Certo che sarei interessato”. Strategicamente è interessante e saremmo interessati, ma ne dobbiamo parlare un po’. Non è una questione di primaria importanza, ve lo posso assicurare».

Trump per suffragare la sua idea ha aggiunto che la Groenlandia sta pesando molto negativamente sull’economia della Danimarca. «Sarebbe un grande affare immobiliare. Ci si possono fare molte cose. La Danimarca sta perdendo quasi 700 milioni di dollari all’anno per sostenerla. […] Strategicamente per gli Stati Uniti sarebbe molto bello, siamo un grande alleato della Danimarca, proteggiamo la Danimarca e aiutiamo la Danimarca e lo faremo».

Poco dopo la pubblicazione l’articolo del Wall Street Journal è stato commentato anche dalla prima ministra danese Mette Frederiksen, che aveva detto al giornale Sermitsiaq: «La Groenlandia non è in vendita. La Groenlandia appartiene alla Groenlandia. Spero vivamente che non sia un’idea seria».

Ancora una volta le questioni politiche offuscano i problemi del Pianeta Terra.