La Juventus soffre ma batte il Bologna, Sarri: “E’ mancata cattiveria, de Ligt smetta di autocriticarsi”

La Juventus vince ma soffre, ecco l'analisi del tecnico al termine della gara

0
Juventus, fonte Pixabay
Juventus, fonte Pixabay

La Juventus sconfigge il Bologna nel terzo anticipo dell’ottava giornata di Serie A e mantiene la vetta della classifica. I bianconeri vincono 2-1 grazie alle reti di Ronaldo nel primo tempo e di Pjanic nella ripresa, in mezzo il pareggio degli emiliani con Danilo, ma nel finale solo uno straordinario Buffon evita il pareggio.

Ai microfoni di Sky Sport nel post-partita Sarri ha analizzato la prestazione dei suoi. Ecco un estratto delle parole del tecnico:

“Mancanza di motivazioni? Se la situazione è quella che ha detto lei è drammatica. Altrimenti non saremmo grande squadra. Al rientro, e vale per tutte le grandi squadre, è difficile. Giocato con una squadra che ora esprime un calcio tra i migliori, ha giocatori offensivi di livello. Abbiamo avuto tante occasioni. Le responsabilità non sono sull’applicazione, è nella cattiveria, non abbiamo chiuso la partita.

Per me partita di ottimo livello, ci abbiamo messo dentro degli errori forse tecnici ma che visti da fuori hanno dato la sensazione della leggerezza, come se avessimo sbagliato per presunzione. A livello di mentalità c’è mancata un pizzico di cattiveria. Le occasioni per chiuderla sono state diverse.

De Ligt e Rabiot? De Ligt deve smettere di autocriticarsi. Sta facendo bene con tutte le difficoltà che sta avendo un difensore di 19 anni nel nostro campionato. Deve smettere di pensarsi in difficoltà. Rabiot è in buona crescita. Chiaramente gli mancano i novanta minuti, partita con livello di personalità nettamente diversa”.