La nuova frontiera degli smartphone: i rugged phone

0

La tecnologia fa passi da gigante e ci offre sempre nuove soluzioni in grado di rispondere alle esigenze dei consumatori. Così, oltre a proporre oggetti di ultima generazione come gli smartphone sempre più tecnologici, ci offre la possibilità di utilizzare smartphone capaci di resistere alle condizioni avverse.

 

È il caso dei rugged phone, degli smartphone resistenti e pressochè indistruttibili. Questi smartphone sono pensati per chi ha bisogno di uno dispositivo in grado di resistere a temperature fuori dall’ordinario, urti, acqua, polvere, graffi e cadute. Sono telefoni dedicati a per lavoro si trova spesso nei cantieri, in montagna, al freddo o in ambienti militari e non ha intenzione di rinunciare a un telefono che sia in grado di utilizzare tutte le app presenti sullo Store.

 

I rugged phone superano determinati standard civili e, in alcuni casi, militare. Il principale indice per identificare uno smartphone dotato di particolare resistenza si chiama IP, ovvero Ingress Protection, una scala standard pubblicata dalla Commissione Elettrotecnica Internazionale a cui si affiancano gli standard militari dell’esercito statunitense, definiti con la sigla MIL-STD ovvero “Military Standard”. L’IP identifica come si è comportato lo smartphone in determinate situazioni che lo espongono alla polvere o quanto riesce a resistere prima di mostrare infiltrazioni d’acqua. I voti vanno da 1 a 6 per la polvere o la sabbia e da 1 a 8 per l’acqua.

 

Uno dei rugged phone più apprezzati ed utilizzati è il CAT S60. È  in grado di eccedere perfino le specifiche delle certificazioni militari e grazie soprattutto a una camera posteriore da 13 MP dotata di visione termica, che permette di vedere le principali fonti di calore, indipendentemente dalle condizioni di illuminazione. Una tecnologia particolarmente utile per controllare la zona al buio, trovare eventuali surriscaldamenti in un macchinario o individuare le tubature del riscaldamento. La batteria è da 3800mAh, quindi più che sufficiente per arrivare a fine giornata con un utilizzo normale, lo schermo invece è un Gorilla Glass 4 da 4,7’’ con una risoluzione di 1280 x 720 che può essere utilizzato anche con mani bagnate o guanti. Il processore è un Qualcomm MSM8952-3 con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria.

 

Altro rugged phone molto in voga è il Sonim XP7. Il Sonim XP7 ha uno schermo da 4’’ utilizzabile con i guanti, funziona sia a -20 che a 55 gradi di temperatura, può resistere a vibrazioni, cadute, solventi, acqua salata e oli industriali. I suoi altoparlanti garantiscono un volume di 100 dB, per quando si deve ascoltare una telefonata in ambienti rumorosi. La longevità di utilizzo è garantita da una batteria a 4800mAh e a come unico difetto uno schermo dalla risoluzione decisamente bassa: 480X800. Il processore è un MSM8926 1.2 GHz Quad core con 16GB di memoria e 1GB di RAM.

 

Il Doogee S60 è perfetto per chi cerca un prodotto per l’uso semi professionale e presenta un ottimo rapporto qualità prezzo. La batteria da 5.580 mAh può durare fino a tre giorni. Monta il potente processore MediaTek Helio P25 con 8 core a 2,5 GHz e 6 GB di RAM. Questo processore in combinazione con tale quantità di RAM è in genere montato da smartphone di alta gamma con ottime prestazioni.