La Roma vince e convince, 3-0 al Verona. Scintille a fine gara tra Gerson e Peres

0
Curva Sud dell'AS Roma, Stadio Olimpico. Fonte: Flickr
Curva Sud dell'AS Roma, Stadio Olimpico. Fonte: Flickr

La Roma non poteva sbagliare e non l’ha fatto, i giallorossi nell’anticipo della 4a giornata di Serie A battono il Verona per 3-0 e si scrollano di dosso le critiche piovute nell’ultimo periodo. Di Francesco fa turnover e concede spazio a Florenzi, Pellegrini, Fazio, Under ed El Shaarawy, tutti autori di un’ottima gara. Nel primo tempo la Roma colleziona tante palle gol, con Dzeko che spreca due occasioni solo davanti alla porta. Intorno al quarto d’ora un vero e proprio nubifragio si abbatte sullo stadio Olimpico, ma i padroni di casa riescono comunque a passare in vantaggio al minuto 22′ grazie a Nainggolan, su assist di El Shaarawy. Dopo 10′ minuti i giallorossi raddoppiano con Edin Dzeko, bravo a raccogliere di testa uno splendido assist di Alessandro Florenzi, che prima mette a sedere il difensore e poi lascia partire dal sinistro una splendida traiettoria che il bosniaco deve solo appoggiare in rete. Nel secondo tempo il copione non cambia, la Roma trova il 3-0 sempre con Dzeko al minuto 61′, con il numero 9 bravo a sfruttare un cross basso dalla sinistra di Kolarov. I giallorossi gestiscono la gara senza soffrire e nel finale c’è spazio anche per gli esordi di Schick e Moreno.

SCINTILLE GERSON-PERES- Al fischio finale, proprio nel bel mezzo dei festeggiamenti con i tifosi, scoppia una lite tra Gerson e Peres. Il centrocampista, subentrato a gara in corso, non avrebbe preso bene l’invito del compagno a seguirlo per l’allenamento post partita. Gerson ha fatto finta di niente, avviandosi verso gli spogliatoi, il connazionale lo ha così rimproverato, scatenando la lite, subito spenta dall’intervento dei compagni.