domenica, Aprile 14, 2024
HomeSpettacoloTVLa Squadra Ginew, l'arroganza di cinque mercenari

La Squadra Ginew, l’arroganza di cinque mercenari

Ripresosi dalla lotta con Zarbon, Vegeta, fugge dalla navicella di Freezer, con cinque Sfere del Drago namecciane in suo possesso.

Accorgendosi del furto, il crudele dittatore ordina a Zarbon di recuperarle, ma questo fallisce.

Entra quindi in gioco la temuta Squadra Ginew. Cinque mercenari considerati, da loro stessi ma anche da Freezer, tra i più potenti guerrieri dell’Universo.

Sono composti da Ginew (il capo), Guldo, Rikoom, Jeeth e Butter. Ognuno di loro possiede una tecnica speciale che non esitano ad utilizzare contro i nostri eroi per adempire al loro dovere, impossessarsi delle Sfere.

il più piccolo di tutti, Guldo, può fermare il tempo trattenendo il respiro. Ma viene ucciso rapidamente dal Principe dei Saiyan.

Rikoom è dotato di una incredibile forza, grazie alla quale sconfigge Vegeta, Crilin e Gohan, “giocherellando” prima con loro. L’arrivo di Goku pone fine al suo divertimento.

Jeeth e Butter, invece, combinano i loro attacchi per renderli molto potenti e veloci, tecnica che risulta efficace solo in un primo momento contro il Saiyan terrestre.

Infine, il loro capo è capace di scambiare il proprio corpo con l’avversario, avvantaggiandolo enormemente nei combattimenti. È il più potente della sua squadra e mette in grande difficoltà Goku, soprattutto quando sfrutta la sua tecnica contro di lui.

Fortunatamente Ginew rinuncia al corpo del guerriero terrestre, non riuscendo ad ottenerne un perfetto controllo.

Vegeta si sveglia allora ancora più forte rispetto a prima e uccide senza pietà gli ultimi membri della Squadra Ginew.

Capendo di non avere alcuna possibilità contro i due Saiyan, Ginew, decide di appropriarsi del corpo di Vegeta, ma Goku si frappone tra lui e il suo bersaglio con un rospo nelle mani, imprigionandolo invece nel corpo del fragile rettile.

Così si conclude la storia di una squadra apparentemente invincibile, la cui arroganza ha portato a morte certa.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME