“Las chicas del cable”: cinque motivi per vedere la serie spagnola

0
las-chicas-del-cable
"Las chicas del cable" fonte screen youtube

“Las chicas del cable”, in italiano “Le ragazze del centralino”, è la prima serie spagnola prodotta da Netflix.

La serie è ambientata nel 1928 a Madrid e segue le vicende di quattro donne molto diverse tra di loro che lavorano presso la “Compagnia dei Telefoni”, la prima compagnia telefonica nazionale ad operare in grande scala.

Nella Spagna del 1928 i diritti delle donne erano ben lontani da quelli attuali, anche se per certi versi non si può non identificarsi con le protagoniste. Seguire le vicende di queste giovani donne alle prese con i problemi dell’epoca, i drammi personali e la ricerca della libertà ed emancipazione è travolgente.

Il cast principale di “Las chicas del cable” è composto da Blanca SuárezYon GonzálezAna Fernández GarcíaMaggie Civantos e Nadia de Santiago.

Ecco cinque buoni motivi per iniziare a seguire “Las chicas del cable”

1) Forti personaggi femminili 

Le quattro protagoniste affrontano i loro problemi d’amore, famigliari o lavorativi ognuna in modo diverso. Per questo è facile identificarsi con ciascuna di loro. Sono donne forti, coraggiose e maturano con il progredire degli episodi. Vedere queste quattro donne nella Spagna degli anni ’20/’30 ribellarsi e affrontare le proprie paure e insicurezze invita noi stesse a usarle come fonte d’ispirazione.

2) La scrittura dei dialoghi 

“Las chicas del cable” ritrova nel personaggio di Alba Romero/Lidia Aguilar una sorta di Carrie Bradshaw di “Sex & The City”. Alba infatti funge da narratrice della storia e sia all’inizio sia alla fine di ogni episodio dà allo spettatore una lezione di vita. Inoltre i dialoghi tra i personaggi sono scritti con particolare attenzione non solo per il contesto storico; si rivelano attuali anche ai giorni nostri.

2) L’amicizia tra le protagoniste 

Lo show tratta temi importanti come il femminismo ma al centro della storia vi è la forte amicizia tra le colleghe della “Compagnia dei Telefoni”. Le ragazze si aiutano sempre contro tutto e tutti. Non importano gli errori commessi, alla fine l’amicizia tra le colleghe prevale su qualsiasi cosa. Quest’unità e complicità è qualcosa a cui ambire.

3) I costumi 

I vestiti e le acconciature riportano lo spettatore nel 1928 e sono curati nei minimi dettagli. Contribuiscono a creare quell’atmosfera particolare della Spagna dell’epoca e degli anni ’20 che ancora oggi suscitano un particolare interesse e nostalgia.

4) La rappresentazione veritiera della cultura dell’epoca

La società patriarcale degli anni ’20 è rappresentata in modo impeccabile. Alcuni comportamenti dei personaggi di “Las chicas del cable”, quasi 100 anni dopo, sono purtroppo ancora attuali.

Le storie delle protagoniste ci ricordano che c’è ancora molto lavoro da fare, molte cose per cui ancora combattere ma anche molte cose che sono cambiate proprio grazie a donne come le protagoniste della serie.

Non è una serie particolarmente pesante o cupa da guardare, anzi è leggera senza però farsi sfuggire una critica importante della società.

5) La musica

La scelta della colonna sonora della serie è decisamente originale. Infatti vi sono canzoni in inglese che aggiungono un’impronta moderna alla storia.

Su Netflix sono disponibili due stagioni della serie.

Inoltre “Las chicas del cable” è stata rinnovata per una terza stagione, che verrà pubblicata nella primavera del 2018