Le Pagelle di Frosinone-Roma 0-2

0

Nel primo derby nella storia tra Roma e Frosinone non deludono gli uomini di Rudi Garcia che espugnano il Matusa con una vittoria per 2-0: reti di Iago Falque e Iturbe allo scadere. Giallorossi ora a 7 punti in classifica, mentre il Frosinone subisce la terza sconfitta consecutiva, nonostante tutto sommato si siano viste cose positive, ma tuttavia ancora non sufficienti, specie a impensierire uno squadrone come la Roma.

FROSINONE

LEALI 6 – Praticamente esente da colpe in occasione dei due goal, non viene impegnato granché visto che la Roma non riesce ad andare molte volte al tiro anche per la scelta tattica di gestione del secondo tempo con un ottimo possesso palla. Rischia solo una volta in occasione di un disimpegno troppo lezioso, ma nel complesso non è stata una giornata di grande operosità.

ROSI 6+ – L’ex terzino sinistro della Roma, sente molto la partita con la sua vecchia squadra e si impegna alla grande. È l’unico terzino del Frosinone che prova le sgroppate sulle fasce e anche qualche buona incursione centrale. Sicuramente un buon giocatore su cui i ciociari possono puntare per la lotta alla salvezza.

BLANCHARD 5,5 – Ha il difficile conmpito di contrastare Dzeko e non sfigura.

DIAKITÉ 5.5 – Derby virtuale per l’ex Lazio che, specie nel primo tempo, fa a sportellate con Dzeko e con tutti gli attaccanti della Roma, giocando anche molto di fisico e di esperienza, poi nel secondo tempo cala la Roma in attacco e il suo lavoro diminuisce.

PAVLOVIC 5 – Anche lo svizzero croato ha parecchi problemi sulla fascia con Florenzi e le ali della Roma. Deve migliorare molto sia in fase difensiva che offensiva, dove è sembrato praticamente impalpabile.

GUCHER SV – Si fa male ed è costretto a uscire al 18′ poco dopo aver tentato un clamoroso pallonetto dai 35 metri che Szczesny ha controllato con lo sguardo.

CHIBSAH 6 – Non parte bene e perde molti palloni ma pian piano entra in partita e comincia a giocare. Non solo gestisce il centrocampo ma prova anche a spingersi in avanti e a imbeccare i suoi.

SAMMARCO 5,5 – Subentra all’infortunato Gucher in questa partita un po’ complicata senza farsi vedere granché all’inizio. Poi anche lui alla distanza esce fuori con qualche cross filtrante per i suoi attaccanti.

SODDIMO 5,5 – Nel primo tempo fa vedere tutte le sue buone qualità tecniche, lotta, combatte sulla fascia e mette in difficoltà Florenzi. Paga la sufficienza con l’errore in marcatura su Iago Falque in occasione dell’1-0 della Roma.

TONEV 5,5 – Parte benissimo il Bulgaro con incursioni sulla fascia sinistra ed è l’unico ad impensierire il portiere della Roma con un bel tiro. Poi però si intestardisce con i tiri della distanza e progressivamente si allontana sempre più dal bersaglio.

DIONISI 5,5 – Brutta partita quella che doveva gestire il numero 18 del Frosinone: nel primo tempo solo lavoro sporco per lui, che riesce comunque bene a far salire la squadra quando può. Ma, anche per alcune circostanze, non è quasi mai pericoloso.

CIOFANI 5 – Si vede solo con un colpo di testa dopo un calcio d’angolo che va di poco fuori ma per il resto partita in ombra.

VERDE 6 – L’esterno in prestito dalla Roma entra alla fine, si vuole far vedere e si vede. Prova addirittura due conclusioni.

LONGO SV – Forse messo troppo tardi.

ROMA

SZCZESNY 6,5 – Partita molto tranquilla per il portiere ex Arsenal oggi al Matusa. Si mette in luce solo con le sue prese sicure e deviando in angolo il pericolo tiro di Tonev nel primo tempo.

FLORENZI 7 – Uno dei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero per duttilità e impegno. Se pensiamo che il suo ruolo non è quello del terzino il voto potrebbe essere molto più alto. Colpisce una sfortunatissima traversa nel secondo tempo dopo un’ottima incursione sulla destra. Non attacca solo, lui che nasce come esterno d’attacco, ma soprattutto difende e anche bene.

MANOLAS 7 – Primo tempo senza problemi, ma è nel secondo tempo, quando il Frosinone timidamente ci prova un po’ che il centrale della Roma fa una grande partita chiudendo quasi tutte le azioni del Frosinone. Spadroneggia incontrastato, quando rientrerà Castan e sarà al 100 %, formerà con il brasiliano una delle migliori coppie di centrali.

RUDIGER 5 – L’unico alibi per il centrale ex Stoccarda può essere il suo debutto in Serie A, ma per il resto partita non proprio felicissima. Invece di temporeggiare spesso fa il fallo o comunque perde palle pericolose all’indietro. Rischia il rigore su un dubbio contatto con Rosi.

DIGNE 6,5 – Questo può essere uno degli acquisti in sordina che invece fanno la differenza in una squadra. La sua qualità migliore, e se ne saranno accorti tutti, è il cross. Riesce a disegnare perfette parabole e Dzeko non vede l’ora di approfittarne nelle prossime partite. L’arbitro lo grazia in occasione del fallo di mano sul cross di Rosi, e in quest’occasione il francese fa anche, con troppa furbizia, finta di aver ricevuto una pallonata in faccia.

DE ROSSI 5,5 – Torna a giocare davanti alla difesa al fianco di Keita. Prova anche la conclusione nel secondo tempo ma non è fortunato.

KEITA 6,5 – Buona la prova dell’ex Barcellona che ruba palloni quando può e li gestisce quasi sempre con tranquillità.

NAINGGOLAN 6 + – Tenuto a sorpresa fuori dall’undici titolare per poter provare questo 4-2-3-1, entra nel secondo tempo per dare quantità alla squadra e lo fa alla grande. Difficile pensare a una Roma senza il belga.

IAGO FALQUE 7+ – Un altro degli acquisti sottovalutati della Roma che invece potrà fare la differenza. Dopo la strepitosa stagione a Genova dell’anno scorso, meritatamente può giocare in un top club e anche oggi l’ha fatto vedere. Goal a parte è sembrato quello più in palla dei romanisti, ma il suo lavoro più prezioso è sicuramente in fase di ripiegamento. Il 4-2-3-1 può essere un buon esperimento per la Roma, se e solo se Iago Falque continua a giocare in questo modo, con questa dedizione difensiva.

TOTTI 5,5 – Dai grandi giocatori come lui si pretende sempre qualcosa in più. Nel primo tempo è stato insufficiente, dimostrandosi troppo nervoso (forse per la consapevolezza di essere ormai un comprimario) e ha rimediato un cartellino giallo. Poi nel secondo tempo con qualche spazio in più ha aiutato i suoi a gestire il vantaggio.

GERVINHO 5+ – Messo a sorpresa titolare al posto di Salah, si dimostra largamente insufficiente nel primo tempo quando è tutto fumo e niente arrosto, forse anche per un ritardo di condizione. Poi nel secondo tempo anche lui migliora un po’.

DZEKO 5 – Insufficienza per il bosniaco che ha avuto due palle goal, di cui una clamorosa gettata al vento. Anche sull’altra avrebbe potuto fare qualcosa in più inquadrando almeno lo specchio. Vero è che non è stato servito a sufficienza, ma da lui ci si aspetta comunque qualcosa in più. Unico alibi l’infortunio che gli ha rimediato una fasciatura inibendolo.

ITURBE 7 – Entra e segna, impossibile chiedergli di più subentrando a otto dalla fine. Sembrava uno dei partenti di questa Roma, ma può comunque essere un’arma in più, specie entrando nel secondo tempo.

SALAH 6 – Risparmiato in vista della partita in Champions contro il City entra solo per gli ultimi 25 minuti e aiuta a gestire. Notevole la sua accelerazione sulla destra, dopo la quale Florenzi prende la traversa.