martedì, Aprile 16, 2024
HomeCronacaLibano, attentato a Beirut

Libano, attentato a Beirut

A pochi metri l’uno dall’altro si sono fatti esplodere per colpire e punire un raggruppamento di sciiti e apostati. A Beirut oggi si consuma un altro attentato della guerra religiosa che sta consumando il Medio Oriente. Nel pomeriggio nella roccaforte di Hezbollah due seguaci dell’Isis entrano in un centro commerciale con addosso delle cinture esplosive; il primo uomo si fa esplodere e il secondo dopo pochi minuti ad una distanza di 150 metri, quando vede la gente che si avvicina,  innesca anche lui la sua bomba. I feriti sono 180 e i morti 40, ma le vittime aumentano di minuto in minuto.

L’attentato è stato rivendicato dall’Isis con un comunicato: la città deve essere purificata dai seguaci di Hezbollah (Partito di Dio). Il ministro dell’Interno Nouhad Machnouk ha riferito che un terzo attentatore suicida è rimasto ucciso in una precedente esplosione. Come riporta l’agenzia nazionale libanese Nna, la duplice esplosione è avvenuta tra il campo palestinese di Burj Barajne e via Husseiniya; le vittime sono state investite tra il Caffé Shihab e l’ingresso dell’ospedale Rasul al Aazam, gestito sempre da Hezbollah.  Gli attentatori si sono addentrati nel quartiere a piedi per cercare di evitare i controllo a cui gli automezzi sono sottoposti.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME