Liberato: identità svelata da Alici come Prima

0
liberato
personal photo

Alcuni mesi fa avevamo ragionato circa la possibile e vera identità di uno dei fenomeni musicali del momento: Liberato. Un rapper-cantastorie napolentano, senza volto. Da ieri, invece, sembra essere stato rivelato il mistero. liberato

 

Oltre ad una nota rivista musicale, la pagina Facebook di “Alici come Prima” ha raccolto vari indizi fino a concretizzarne la presunta validità. Innanzitutto, Liberato sembra trovare origine da alcune poesie scritte da un giovane autore di nome Emanuele Cerullo. Quest’ultimo, poi, contattato da Andrea Rossi (giornalista e fondatore della pagina) si è mostrato agitato e poco disponibile nel sostenere una conversazione proprio sul rapper. Inoltre, spulciando il suo profilo privato sul social di Zuckerberg si è scoperto che il 9 maggio scorso ha pubblicato una poesia dove appaiono parecchi riferimenti contenuti nel brano di Liberato. Non pochi sono, quindi, i richiami tra queste figure. Bisogna, però, specificare che non si ha una certezza assoluta. Tuttavia se non con la voce ma con le parole, Cerullo è coinvolto; anche se sul canale Youtube di quest’ultimo ci si accorge di una propensione alla musica manifesta e innegabile.

Qui sotto il link della telefonata effettuata da “Alici come Prima” a Liberato (aka Emanuele Cerullo):

http://www.facebook.com/AliciComePrima/videos/1454226224631874/

 

I nomi accostati all’immagine di Liberato erano stati quelli di Calcutta, Dj Shablo e addirittura Franco Ricciardi o Ivan Granatino. In realtà, loro potrebbero esserci comunque e proprio per questo l’idea di creare una figura misteriosa li avrebbe intrigati a diffondere il progetto e di conseguenza a sviare le ipotesi attraverso le loro immagini. Intanto, il successo di visualizzazioni continua con la nuova canzone “Gaiola PortaFortuna”.  Ci troviamo dinnanzi ad una modalità poetica innovativa o di fronte all’ennesima illusione?

Il Velo di Liberato è stato svelato!