Localizzatore GPS per auto e scatola nera: informazioni e utilizzo

Tutte le macchine hanno bisogno di essere munite di questo speciale dispositivo: la scatola nera (anche conosciuta con il suo nome popolare nel mondo anglosassone, ossia "black box"), che è dotata di un localizzatore GPS. 

0

A cosa serve la celebre scatola nera, che tutte le compagnie di assicurazione RC Auto nominano, lasciando spesso più confusi che persuasi i loro clienti? La risposta potrebbe sembrare complessa, ma in realtà è piuttosto semplice e si può riassumere in pochissime parole: la scatola nera è uno strumento per la tua sicurezza su strada.

Naturalmente, questo strumento è dotato di un localizzatore GPS per auto e, sebbene non si possa accedere alle sue funzionalità mentre si guida, esso si rivela piuttosto utile proprio nel momento in cui ci troviamo più nel bisogno.

A seguito di un incidente o quando la macchina subisce un guasto, la scatola nera rappresenta una coperta essenziale alla quale affidarci per la ricostruzione dei fatti. 

Ora spiegheremo nel dettaglio cos’è, come funziona, ma soprattutto perché è tanto utile che tutti dovrebbero farne montare una nella propria macchina (a prescindere dalle agevolazioni di tipo economico che si possono subito avere grazie agli incentivi assicurativi). 

Scatola nera con localizzatore GPS per auto: di cosa si tratta? 

Si tratta praticamente di un dispositivo avanzato. La sua tecnologia è di tipo elettronico e viene installata nelle auto per raccogliere e conservare informazioni di vario genere.

Queste informazioni, che possono essere in qualsiasi momento recuperate, sono relative allo stile di guida, alle modalità specifiche di come il conducente porta il suo veicolo su strada, agli eventi in cui la macchina viene coinvolta, la posizione in cui la vettura si trova, in tempo reale, i chilometri che vengono percorsi dal mezzo e tante altre informazioni. 

Questi dati diventano fondamentali nel caso in cui il conducente della macchina è coinvolto in un sinistro, perché in questa maniera la compagnia può determinare con certezza come sono andati i fatti e fare luce su chi sia il responsabile vero a cui imputare la copertura economica dei danni.

Quindi sono tanti i dati che grazie alla scatola nera si possono raccogliere e cioè per la precisione i seguenti:

  • Chilometri fatti
  • Le marce che vengono utilizzate
  • Eventuali sistemi di sicurezza che sono utilizzati
  • Decelerazione ed accelerazione
  • Incidenti con eventuali accelerazioni, luogo e tipologia
  • Percorrenza e geolocalizzazione

Tutti questi dati sono anche molto utili quando una persona subisce il furto della sua vettura e vuole ritrovarla:in alcuni casi addirittura vengono usati nel momento in cui c è la volontà di contestare e fare ricorso per una multa subita che si ritiene ingiusta.

Approfondendo la questione dati ricordiamo che come abbiamo accennato prima grazie al dispositivo Gps la scatola nera riesce a fare la localizzazione geografica e per quanto riguarda gli altri dati li rileva sia di giorno che di notte e sia in percorso urbano che extraurbano.

Inoltre se si verifica un incidente registra il tipo di crash,data,accelerazione massima,marce inserite durante la strada fatta, posto preciso dove è avvenuto e soprattutto l ultima velocità che si è potuta rilevare. Vantaggio importante di chi decide di installare la scatola nera è quello di avere assistenza a qualunque ora e anche la possibilità di poter chiamare il carro attrezzi.

Ma ci sono anche degli svantaggi:

  • Poca privacy, visto che tutte le abitudini e gli spostamenti del conducenti verranno registrati e salvati
  • Per una persona che non è esperta questi dati saranno di difficile lettura e questo potrebbe portare confusione inganni con la compagnia assicurativa
  • La batteria si consuma più velocemente