L’ONU contro la Juventus: “Violate le misure contro la Corea del Nord per il caso Han”

Nel rapporto del Consiglio di Sicurezza citata la Juventus per aver violato le norme relative al trasferimento di Han in Qatar

0
ONU, fonte By mpd01605 - originally posted to Flickr as IMG_4473, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4423157
ONU, fonte By mpd01605 - originally posted to Flickr as IMG_4473, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4423157

La Juventus avrebbe violato le norme sulle sanzioni internazionali disposte dall’ONU contro la Corea del Nord in relazione al trasferimento a gennaio dell’attaccante nordcoreano Han Kwang-Song in Qatar, precisamente all’Al-Duhal. A rivelarlo è l’odierna edizione de L’Equipe.

Le Nazioni Unite vietano, infatti, di far lavorare all’estero i cittadini nordcoreani, una delle misure adottate contro il paese asiatico del dittatore Kim Jong-un per non aver rinunciato al suo programma nucleare.

Il Consiglio di Sicurezza ONU ha avvertito l’Italia in merito al trasferimento, nonostante ciò l’operazione non è stata annullata, come si evince dal rapporto. Per tale motivo:

“Il Consiglio – si legge sul rapporto – ha nuovamente riferito al Qatar le risoluzioni pertinenti relative a questo caso”. 

Le Nazioni Unite chiedevano agli Stati membri di inviare in patria i lavoratori nordcoreani all’estero con termine dicembre 2019. Al momento, però, solo 40 paesi avrebbero presentato i loro rapporti sulle misure di espulsione.