Loredana Bertè: “Traslocando, è andata così”

0

Uscirà il 20 novembre un’autobiografia di Loredana Bertè intitolata “Traslocando – E’ andata così”, pubblicata per la casa editrice Rizzoli. Il libro è stato presentato dalla stessa Berté attraverso  un post pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale, nel quale sono presenti copertina e retrocopertina del volume che ha per protagonista la cantautrice con in mostra le sue gambe. Racconta che quando era bambina le chiedevano cosa avrebbe voluto fare da grande e lei  rispondeva sempre: ‘La regina’. ‘Non si può’, le dicevano.

Questo il post sul social dove vengono spiegate le motivazioni della pubblicazione dell’autobiografia:

“Sono cresciuta con la regola del niente. Niente giocattoli. Niente bambole. Niente regali. Niente ricorrenze. Niente di niente”. È così che può iniziare una vita, in fuga da una stanza senza quadri alle pareti, da una casa senza dolcezza, senza amore, senza infanzia. E allora la voglia di libertà diventa più forte di tutto, più forte del ricatto e di qualsiasi convenzione. Così cominciano le bravate di chi è costretto a rompere le regole con l’esagerazione, gli anni del terzetto Loredana, Mimì e Renato in perenne scorribanda per Roma, in fuga dagli alberghi, calandosi dalla finestra con le lenzuola annodate perché i soldi per pagare il conto non c’erano. Finché arriveranno, inaspettati, i primi successi, ‘Sei bellissima’ e ‘Non sono una signora’, gli incontri straordinari, l’America di Andy Warhol e ritorno. Il grande amore per un bel tennista svedese e il disastro di un altro sogno infranto. Sempre in guerra, sempre in cerca di altri voli. ‘Ma quale musica leggera’! Il palco più difficile è quello di Sanremo, nel 1997, quando Loredana salirà per cantare ‘Luna’, per urlare all’ Italia dei canone-paganti la rabbia e il dolore per la morte di Mimì, la sorella maggiore che aveva cercato di proteggerla dall’inferno dell’infanzia e che nessuno era stato in grado di proteggere dalla vita. Sono gli anni del buio, della solitudine che fa più paura, del dolore che spezza il fiato. Se la vita non ha fatto sconti a Loredana, lei non fa sconti in questo racconto, in cui restituisce tutta la brutalità e l’esuberanza della sua vita in perenne ribellione, sempre in bilico tra la tragedia e la farsa”.

A questo libro seguirà l’album prodotto da Fiorella Mannoia per celebrare la leonessa del rock e i suoi 40 anni di carriera. Saranno molte le collaborazioni ad impreziosire il progetto: Emma MarroneBiancaAtzei, Antonella Lo Coco, Aida Cooper (da diversi anni corista della band della cantante), Alessandra Amoroso e Patty Pravo.

bertè