Lotito fa pace con la Cortani e rileva la Lazio Femminile

0

Lotito segue i Della Valle e compra il titolo della Lazio Femminile di patron Cortani: “Non lo dimeticherò mai”. Archiviate cosi le polemiche della scorsa stagione.

 

Lotito- Cortani: eravamo rimasti alle affermazioni della presidentessa della Lazio Femminile negli scorsi mesi, quando la compagine laziale, fu abbandonata da Lotito. “La Società Sportiva Lazio Calcio Femminile comunica che non prenderà parte alla partita di Palermo in quanto non è nelle condizioni economiche di affrontare la trasferta. L’attuale condizione – recitava la nota lo scorso Febbraio – è una diretta conseguenza delle promesse reiterate e non mantenute da parte della dirigenza della S.S. Lazio. Tale decisione è una protesta formale, per conservare la nostra dignità di atlete e persone che mettono nel calcio la loro passione ma che non vogliono essere prese in giro”. 

 

Lotito acquista la Lazio Femminile
Lotito acquista la Lazio Femminile

Infatti, la formazione laziale non partecipò ad alcune partite a causa degli elevati costi delle trasferte siciliane. In questo periodo molte sono le ragazze che hanno lasciato la Lazio per accasarsi alla Res Roma, Roma e altre in procinto di trasferirsi in Serdegna. Ed ecco che oggi arriva un clamoroso colpo di scena: Lotito acquista definitivamente il titolo sportivo della Lazio Femminile seguendo il modello della Fiorentina dei Della Valle che hanno dato vita alla Fiorentina Women.

Dopo tanti anni di sacrifici e patimenti il passaggio delle nostre attività alla S.S. Lazio maschile è per me, e tutta la presidenza, motivo di grande orgoglio. Un regalo morale – commenta Elisabetta Cortani – e meritato a tutte le calciatrici che, anche quest’anno e ormai da anni, hanno ancora creduto di volare in alto con Olimpia. A tutte loro e ai dirigenti che negli anni hanno donato a me, alle ragazze e alla società tempo, cuore e amore, auguro un futuro meraviglioso che porti sempre più in alto i colori di questa fantastica realtà. Per me e soprattutto per mio fratello Maurizio il gesto d’amore più grande era quello di poter regalare, finalmente, un futuro certo a chi negli anni ha onorato quest’aquila fino alla morte. Noi non lo dimenticheremo mai!“.