Lucas Bravo risponde alle critiche della serie Netflix “Emily in Paris”

0
lucas-bravo-attore
Lucas Bravo in una scena di "Emily in Paris". Fonte screen youtube

Lucas Bravo è uno degli attori principali di una delle serie Netflix più chiacchierate del momento, Emily in Paris.

Nella serie il personaggio di Lily Collins, Emily Cooper, viene mandato da Chicago a Parigi per un anno. La ragazza lavorerà in un’importante compagnia di marketing francese. Dunque, arrivata a Parigi, cercherà di inserirsi in una cultura diversa dalla sua senza però perdere il suo punto di vista unico americano.

Nonostante l’approccio molto leggero, solare e sognante, lo show è stato pesantemente criticato in Francia per i molteplici stereotipi sui parigini.

Lucas Bravo, francese, ha deciso di dire la sua sulla questione degli stereotipi, difendendo l’impronta data dalla serie.

Ecco le sue parole alla rivista Cosmopolitan:

“In un certo senso hanno ragione. Stiamo rappresentando dei cliché e una sola visione di Parigi. So che Parigi è una delle città più multiculturali del mondo. Abbiamo così tanti modi diversi di pensare, così tante nazionalità, così tanti quartieri originali. Una vita intera non basterebbe per sapere tutto quello che succede a Parigi. Vi è un intero mondo in una città. Però a un certo punto se vuoi raccontare una storia ambientata a Parigi devi scegliere un angolazione, devi scegliere una visione. I critici francesi non hanno colto il fatto che questo sia solo uno dei tanti piccoli mondi di Parigi. Hanno affermato che ciò che abbiamo rappresentato non sia Parigi. Certamente, Parigi è tante cose in una”

Emily in Paris è stata creata da Darren Star, già ideatore di serie di successo come Sex & the City e Younger.

La serie è composta da 8 episodi da circa mezz’ora.

Il resto del cast è composto da Ashley Park, Philippine Leroy-Beaulieu, Samuel Arnold, Bruno Gouery, Kate Walsh, William Abadie, Arnaud Viard e Camille Razat.

Non è ancora chiaro se la serie tornerà per una seconda stagione.