Lucy Lawless, “principessa guerriera” contro un episodio di razzismo a Lucca

L'interprete di Xena ha assistito all'aggressione verbale di un giovane di colore ed è intervenuta, denunciando poi l'episodio sui social

0
Lucy Lawless (foto da Wikimedia Commons)

Rabbia e indignazione nelle parole dell’attrice neozelandese Lucy Lawless, celebre per aver interpretato il ruolo di Xena nell’omonima serie tv anni ’90, che ha voluto condividere attraverso i social il racconto di un brutto episodio di razzismo a cui si è ritrovata suo malgrado ad assistere mentre era a Lucca per una breve vacanza.

La “principessa guerriera”, che come il personaggio che la regalato la notorietà sembra avere un carattere indomito, stava passeggiando per le vie della città toscana quando ha notato alcuni ragazzi rivolgere epiteti razzisti a un giovane di colore.

Stavo camminando per le strade di Lucca – racconta l’attrice – e davanti a me c’erano sei ragazzi ben vestiti di circa 18-19 anni. Un ragazzo di colore è passato in bici e uno di quegli altri ha fatto il verso dello scimpanzé e ha iniziato a battere forte le mani sulla sua testa urlando ‘Gabon’. Un altro ragazzo si è unito a lui e poi un terzo, urlando e applaudendo minacciosamente. Gli altri ragazzi ridevano. ‘Orribile, davvero orribile‘ ho ringhiato. I ragazzi erano scioccati per essere stati richiamati da un adulto. Se fossi stata più preparata e avessi conosciuto meglio l’italiano avrei spiegato loro che le passate generazioni di italiani sono emigrate in altri Paesi e che il loro comportamento era una forma di terrorismo”.

Non c’è dubbio su chi fossero gli scimpanzé in tutta questa situazione”, ha concluso amaramente l’attrice.

Il post della Lawless è diventato virale in poche ore, tanto che lei stessa si è dichiarata piacevolmente sorpresa. L’attrice, nota anche per aver preso parte negli ultimi anni alla serie tv Salem nei panni della malvagia contessa Marburg, ama l’Italia e ha colto l’occasione di una breve vacanza tra le riprese di Ash vs. Evil Dead e l’inizio di un musical in Nuova Zelanda.