L’Udinese rimanda la festa scudetto della Juve. Sarri: “Partite strane. Abbiamo avuto anche 12 rigori contro”

La vittoria dei friulani rimanda i festeggiamenti in casa Juve. Le parole di Sarri al termine del match

0
DaciArena, stadio dell'Udinese, fonte By Matteo.favi - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=46655435
DaciArena, stadio dell'Udinese, fonte By Matteo.favi - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=46655435

La Juventus esce sconfitta dalla Dacia Arena contro l’Udinese di Gotti ed è costretta a rimandare la festa scudetto. A fine gara ai microfoni di Sky Sport Sarri ha analizzato cosa non ha funzionato. Ecco un estratto delle dichiarazioni:

“Rimontati? Negli ultimi tempi è cosi un po’ per tutti, anche nella partita di oggi abbiamo perso ordine, abbiamo preso il pareggio dopo aver fatto un buon primo tempo. Abbiamo cominciato ad essere disordinati e abbiamo portato la partita su un binario pericoloso. L’abbiamo persa al 93esimo perché volevamo vincerla a tutti costi.

In questo momento della stagione è difficile rimanere fisicamente efficienti per 90 minuti, le partite sono tutte strane, non hanno una logica predefinita e l’inerzia cambia molto facilmente. Il momento è particolare, molto probabilmente in questo momento conta essere più ordinati, dobbiamo imparare a giocare in queste condizioni”.

Su Bonucci e Chiellini: “Giorgio è mancato per tutta la stagione, è qualcosa su cui si è posta l’attenzione ma nel lungo periodo un difensore di questa portata e di questa grande personalità sarebbe stato molto utile. Ma la stagione è andata così, quindi dobbiamo andare oltre a queste problematiche”.

Sui 38 gol subiti: “Abbiamo avuto anche 12 rigori contro, non è un numero che solitamente subiscono le grandi squadre. Ma è cresciuto per tutti, è un record di tutti i tempi, anche se a noi percentualmente è salito di più”.​