Ludovico Einaudi tra i ghiacciai per Greenpeace

0

Please save the arctic. La frase con cui Ludovico Einaudi conclude il video fa pensare tanto. Il compositore nonché pianista in collaborazione con Greenpeace ha girato un video per la difesa dei ghiacciai artici mentre suonava Elegy for the Arctic, una composizione creata per l’occasione. Tra le coste delle isole Svalbard, in Norvegia, con il suo pianoforte, Einaudi ha suonato una melodia malinconica, a tratti commovente, intervallata dal rumore dei ghiacciai del Polo Nord che crollano nei pressi della piattaforma galleggiante su cui si trova. Al termine del video si legge un appello, questa settimana infatti la commissione internazionale per la conservazione dell’Atlantico nord-orientale (OSPAR) discuterà della creazione di un area protetta di oltre 200 mila chilometri quadrati proprio nelle acque dove Einaudi si è “esibito”. Il surriscaldamento globale e le attività di estrazione che avvengono in quelle zone sono le cause di questa campagna di sensibilizzazione di Greenpeace. I governi delle nazioni limitrofe però ostacolano tutto ciò. Ludovico Einaudi sta dalla parte di Greenpeace e delle bellezze del nostro pianeta, noi invece da che parte stiamo?

foto greenpeace