Lutto nel calcio pugliese: addio a Pietro Tusiano

0
lutto

Pietro Tusiano, attaccante classe 1995  era molto conosciuto nel panorama dilettantistico. Egli aveva indossato le maglie di Spirito Santo Foggia, Manfredonia, Juventus San Michele, Nuova Lucera, Herdonia, Team Orta Nova, Fidelis Andria e Martina 1947, alternandosi tra la Serie D e l’Eccellenza. Qualche mese fa un suo eurogol aveva guadagnato persino la copertina di un servizio andato in onda su Striscia la Notizia.

Un giocatore dalle qualità molto importanti per le categorie amatoriali, sia tecniche che morali, così come lo ha descritto il presidente Lorenzo Spina Diana: “Al di là delle giocate pazzesche con cui deliziava i tifosi, era un uomo di spogliatoio, uno di quelli che tutti gli allenatori vorrebbero nella propria squadra.”

L’ultima sua esperienza era con l’Atletico Vieste, nella massima serie dilettantistica. Purtroppo la sua ultima esperienza non è stata quella che si aspettava: prima lo stop per sottoporsi a delle cure contro un brutto male che lo aveva preso di mira. Poi il peggioramento della malattia, ed infine il decesso avvenuto tra il 5 e il 6 giugno.

A comunicare la scomparsa è stato proprio il suo ultimo club, l’Atletico Vieste, tramite un commovente messaggio su Facebook: “Da qualche mese Pietro lottava tenacemente con un brutto male che purtroppo lo ha portato via dall’affetto dei suoi cari – spiega una nota societaria- a Pietro dobbiamo tanto, non solo in termini calcistici, in quanto è stato tra i principali artefici della salvezza nell’ultimo campionato di Eccellenza, ma soprattutto per i valori che ci ha trasmesso.

“In questi mesi abbiamo fatto quadrato, lottando su ogni campo e su ogni pallone, proprio come lui era abituato a fare ed ha fatto fino all’ultimo secondo col sorriso sempre stampato in volto. Oggi ogni parola potrebbe essere superflua. Ci uniamo al dolore della famiglia e di tutti coloro il quale hanno avuto il piacere di conoscere e soprattutto apprezzare per la semplicità e generosità che lo contraddistinguevano”.