Manchester United, resoconto degli ultimi acquisti e mercato per la prossima stagione

0
Fonte: google immagini contrassegnate per essere riutilizzate

Sul più bello si è arrestata la corsa ai primi posti in Premier League del Manchester United. Ora che la squadra di Ole Gunnar Solskjaer stava iniziando a carburare, la surreale situazione che si è creata a causa del Coronavirus ha bloccato tutto, come del resto in tutti gli altri campionati. Approfittando della pausa, abbiamo fatto una riflessione riguardo gli acquisti, super onerosi, del club dopo l’addio di Sir Alex Ferguson. Sotto la guida di quest’ultimo, infatti, non ci sono mai stati acquisti troppo costosi, ma si puntava perlopiù sui giovani del club. Unica eccezione fu fatta nel 2012 per Robin Van Persie, pagato quasi 30 milioni di euro. Quello sarebbe stato l’ultimo anno del tecnico scozzese e, pur di lasciare i suoi tifosi con la vittoria del titolo, fece uno strappo alla regola. Scelta più che azzeccata, con l’olandese che si rivelò il miglior marcatore della stagione dei Red Devils.

Come accennato, abbiamo fatto questa riflessione, o meglio un resoconto, sul rendimento dei calciatori acquistati nell’era post Ferguson. Ci concentreremo, in particolare, solo su quelli fatti dall’attuale tecnico norvegese, che, rispetto ai suoi predecessori, fa acquisti mirati e, inoltre, sta dando una possibilità concreta ai giovani cresciuti in casa: Greenwood e Williams su tutti.

HARRY MAGUIRE – Il difensore più costoso di tutta la storia del calcio. Pagato 80 milioni di sterline, il centrale, ex Leicester, ha comunque più o meno rispettato le attese. Poche disattenzioni, sempre concentrato, sa guidare il reparto, gioca di anticipo, ed è padrone dei duelli aerei, migliore in percentuale in tutta la premier. Dopo l’addio di Ashley Young, e nonostante fosse l’ultimo arrivato, è stato nominato, per la sua leadership in campo, capitano dal suo tecnico.

DANIEL JAMES – Sponsorizzato niente poco di meno che dalla bandiera Ryan Giggs, il giovane gallese viene pescato dalla Championship, dallo Swansea precisamente, pagato relativamente poco, circa 15 milioni di euro. Ha iniziato la stagione in modo promettente, segnando anche qualche gol. Si è poi un po’ perso nella frazione intermedia della stagione. Ora, con l’infortunio di Marcus Rashford, sta trovando molto più spazio come seconda punta al fianco di Anthony Martial.

AARON WAN-BISSAKA – Un perfetto sconosciuto per molti, ci sono voluti 50 milioni di euro per convincere il Crystal Palace a cederlo. Scelta azzeccatissima comunque per lo United. Il terzino destro è infatti uno dei primi 3 difensori in premier per duelli vinti nell’uno contro uno. E’ difficile superarlo anche per via della sua velocità. Deve però migliorare un po’ la fase offensiva.

BRUNO FERNANDES – Vecchia conoscenza della serie A, con le maglie di Novara, Udinese e Sampdoria. Passa allo United nello scorso mese di gennaio dallo Sporting Lisbona per circa 55 milioni di euro. Si è già preso lo United, a suon di gol e soprattutto di assist. E’ quello che mancava ai Red Devils, qualcuno che sappia fare l’ultimo passaggio.

ODION IGHALOEx Watford, il nigeriano è arrivato anche lui a gennaio solo in prestito dallo Shanghai Shenhua per sopperire al lungo infortunio che terrà Rashford lontano dai campi. Ha già segnato diversi gol, ed in Europa League è ormai lui il titolare dell’attacco. Potrebbe anche essere riscattato per la prossima stagione.

COME SARA’ LO UNITED IL PROSSIMO ANNO?Solskjaer potrebbe decidere di vendere Pogba e comprare qualche altro centrocampista. Se si va avanti col 4-2-3-1, mancherebbe un regista di centrocampo da affiancare al ritrovato Fred, e forse un’ala sinistra. I nomi più gettonati sono rispettivamente Denis Zakaria del Borussia M’gladbach e Jack Grealish dell’Aston Villa.