Il Manchester United vince l’Europa League!

0
Fonte foto Flickr

Ieri a Stoccolma si è giocata la finale di Europa League tra Ajax e Manchester United. Nella terra di Zlatan Ibrahimovic, grande assente tra gli inglesi, la squadra di Josè Mourinho ha dimostrato con grande esperienza che le finali molto spesso, più che giocate, vanno vinte. L’esperienza del Manchester United e la grande strategia tattica di Mourinho, ha portato gli inglesi alla vittoria della coppa. Nonostante la grande voglia dei talentuosi olandesi, la differenza tra le due squadre è stata determinante ai fini del risultato.

L’Ajax in avvio di partita, prova ad imporre il proprio gioco. Infatti, La prima conclusione verso la porta è di Traoré: Romero non si fa sorprendere e blocca in due tempi. Al 18′, entra in scena Pogba: gli olandesi perdono palla da una rimessa laterale, Fellaini tocca al limite per il francese il cui sinistro, nettamente deviato da Sanchez, inganna Onana e si insacca. Lo 0-1 complica ancor più i piani di gioco dell’Ajax, chiuso benissimo dalla solita organizzazione impartita ai propri giocatori da Mourinho. E così, se nell’area blu non si va oltre a qualche inserimento di Traoré, in quella biancorossa si trema: Onana deve metterci i pugni per respingere una botta di Valencia. Inizio di ripresa migliore non potrebbe esserci per il Manchester United: non passano che un paio di minuti e Mata calcia dalla bandierina, Smalling fa da torre per Mkhitaryan e l’armeno, con una girata acrobatica a sorpresa, non lascia scampo a Onana. La gara praticamente finisce qui, con una quarantina di minuti d’anticipo. Bosz toglie addirittura Dolberg, rimescolando le carte in attacco e spostando Traoré al centro, ma è tutto vano: il Manchester United chiude ulteriormente ogni residuo varco, protegge al meglio Romero e sfiora il tris con Fellaini e Lingard. Mentre è del neo entrato Van de Beek (sinistro centrale per l’ex doriano) l’unico piccolo brivido finale. Al triplice fischio di Skomina è festa per Mourinho: per il portoghese, ebbro di felicità in un abbraccio infinito con il figlio, è il quarto trofeo internazionale della carriera.

Questo trofeo ha permesso allo United di vincere il terzo trofeo stagionale, dopo la Coppa di Lega e la Community Shield. Josè Mourinho con questa coppa arriva a vincere il suo 17° titolo in carriera, in 25 finali dispustate.

Ecco le parole dello Special One dopo la vittoria: “E’ la chiusura di una stagione molto difficile ma è stata davvero una bellissima stagione. Non mi sarebbe piaciuto guadagnare l’accesso alla Champions League arrivando terzo, secondo o quarto penso sia più bello essere in Champions dopo aver vinto l’Europa League, un trofeo importante. Ora lo United è il club che ha tutti i titoli del mondo in bacheca. Abbiamo battagliato duro per portarci a casa questo trofeo da settembre. Abbiamo sempre pensato che avremmo potuto vincere l’Europa League e siamo contenti di esserci riusciti. Abbiamo giocato in maniera intelligente. E siamo stati molto più forti dell’Ajax questa sera. Bosz ha criticato il modo in cui lo United ha interpretato la partita? Ci sono tanti poeti nel calcio ma i poeti non vincono i titoli. Sapevamo di essere migliori di loro e abbiamo palesato tutte le mancanze dell’Ajax nel corso dei 90 minuti. Il Triplete? Non è un grande triplete ma è un triplete, non possiamo ancora ambire a vincere quel triplete ma è comunque un bel punto di partenza.”