Mancini: “Il derby è un match speciale e Gnoukouri…”

0

Anche Roberto Mancini ha espresso il suo pensiero alla vigilia del derby di Milano. Il tecnico nerazzurro parla di svariati temi riguardanti l’incontro: tra rivoluzione a fine anno e valutazione dei singoli, l’allenatore di Jesi si concentra sul presente. Di seguito tutte le dichiarazioni raccolte da Inter.it sull’importante incontro di domani sera.

“Il Derby è comunque una partita importante. Rispetto agli anni passati magari è più ‘povero’ perché tutte e due le squadre non attraversano un grandissimo momento. È la base per un grande rilancio. Mi spiace non poter confermare tutti i giocatori di Verona per via delle squalifiche. Spero che quelli che giocheranno al posto di Guarin e Brozovic potranno continuare su quella linea, che è quella giusta. I ragazzi devono giocare questo Derby con la massima concentrazione pensando che sarà importante vincere per dare un po’ di continuità”.

“Shaqiri? Ci sta che un giocatore che arriva in un campionato nuovo possa avere un piccolo calo. I giocatori che sono arrivati a gennaio, nel prossimo saranno importanti. Giocare a calcio è sempre la cosa più bella che ci posso essere. Tutti noi vorremmo vincere tutte le partite. Quando si gioca, lo si fa per coloro che vengono allo stadio. A volte si riesce, a volte no. Quando sono arrivato, speravo che l’Inter potessere più in alto in questo momento, lo dico sinceramente. Al di là delle cose positive che ci sono state, so che possiamo fare molto meglio. I giovani? Camara aveva già esordito, Gnoukouri ha fatto benissimo e può avere un grande futuro. Medel può fare la mezz’ala, certo””Penso sia uguale. San Siro non è uno stadio facile, nei momenti di difficoltà o sei talmente forte che non senti niente, oppure lo senti. Fuori casa soffriamo molto meno. Giocare davanti ai propri tifosi deve diventare una forza. Kovacic ha delle grandi qualità e usarle quando ha possibilità di giocare. Nagatomo? È un ragazzo straordinario e non ha giocato solo perché è stato fuori tanto tempo. Non è ancora in condizioni per giocare un match intero. Il modulo di domani? Dipende dall’attitudine positiva, buona”.