Maneskin, è polemica sul concerto al Circo Massimo: i medici chiedono di annullarlo, ecco cosa succede

All'evento attese circa 70mila persone. I medici: "I ragazzi indossino la Ffp2"

0
Maneskin, fonte: commons wikimedia

Scatta la polemica intorno all concerto dei Maneskin, che li vedrà protagonisti prossimamente al Circo Massimo, a Roma, sabato 9, con circa 70mila persone attese. Non il momento migliore, insomma, soprattutto per l’attuale andamento della pandemia.

Nel Lazio ci sono ufficialmente 176 mila positivi, e per gli esperti l’evento potrebbe creare un mega cluster. I principali sindacati dei medici di base allarmati dalla crescita esponenziale di nuovi casi, e molti professionisti hanno fatto appello alla prudenza, qualcuno chiede di rimandare il concerto.

“I grandi eventi hanno avuto un ruolo nel boom di contagi di queste ultime due settimane nel Lazio – dice Marco Trifogli, segretario regionale della Snami, il sindacato autonomo dei medici, a Repubblica – non voglio puntare il dito contro queste occasioni di socialità, ma non c’è coerenza”.

Sempre su Repubblica dice la sua Alberto Chiriatti, vice segretario regionale della Fimmg (Federazione italiani dei medici generali): “Il problema non sono ovviamente i Maneskin ma qualsiasi grande assembramento in questo momento di grande diffusioni del virus. Adesso non c’è il calcio ma se ci fosse il derby diremmo la stessa cosa. Perché i numeri sono quelli di Natale, senza considerare i numeri mascherati dai tamponi fai da te”

Ha espresso il suo parere anche Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia: “Non possiamo certo impedire ai ragazzi di andare al concerto, dopo due anni di pandemia che li ha costretti a lockdown e sacrifici, ma il nostro consiglio è di indossare la mascherina Ffp2 che può evitare il contagio in una situazione di assembramento ad alto rischio. Spero che i ragazzi seguano questa raccomandazione e pensino anche ai rischi che possono far correre ai genitori e ai nonni una volta che tornano a casa dopo il concerto”.