Maneskin, la presentazione del singolo Mammamia finisce con una gaffe: “Si chiama marketing”

La band italiana sta sfoggiando un successo dietro l'altro, anche con molte polemiche

0
Maneskin, fonte: commons wikimedia

Hanno fatto molta strada i Maneskin da quando cantavano per le strade di Roma con l’obiettivo di farsi conoscere. Una vittoria sfiorata a X-Factor, un podio a Sanremo ed Eurovision: la giovane rock band italiana ha intenzione di prendersi tutto il successo che merita. Le polemiche e le gaffe, però sono tante, vediamo cosa è successo.

LA PRESENTAZIONE MAMMAMIA SCATENA LE POLEMICHE – I ragazzi sono tornati con un nuovo singolo, Mammamia, che sta già scatenando tantissime polemiche. La prima sicuramente legata al plagio: pare infatti che sia simile ad un’altra canzone ma per ora nulla è ancora confermato. La seconda polemica riguarda il nudo praticamente integrale postato dai giovani sui social. Tante piccole stelline coprono le zone più intime, un simbolo di ribellione che in realtà altri artisti hanno adottato negli anni passati.

Nelle scorse ore, la band ha presentato il nuovo singolo nel club l’SO36 di Berlino, conferenza famosa in tutto il mondo per aver ospitato artisti del calibro di David Bowie e Iggy Pop. “Noi però restiamo con i piedi per terra e la testa sulle spalle. Conta la mentalità. Se sei un idiota, lo resti anche quando diventi famoso. Se invece sei un tipo a posto, non sarà certo il successo a cambiarti” spiegano i giovani ragazzi.

“Grazie a noi tanti coetanei hanno deciso di mettere su delle band e di tornare a suonare nelle cantine come si faceva prima dei social. Ci chiedono consigli, ci mandano le foto dei loro strumenti: è gratificante” continua la band capitolina. Si resta comunque in attesa del nuovo album: “Ci stiamo lavorando, vogliamo prenderci tutto il tempo necessario per fare le cose come si deve. E non permettiamo a nessuno di mettere bocca in quello che facciamo: in studio ci siamo solo noi”.

LA CONFERENZA SI CHIUDE CON UNA GAFFE – Tuttavia, a Berlino la presentazione si è chiusa con una gaffe. Damiano ha deciso di mandare un saluto ai giornalisti italiani: “Ci mancate!”. Il ragazzo, però, non si è reso conto che il suo microfono era ancora acceso e ha continuato dicendo a bassa voce: “Si chiama marketing, questo”.