Maradona, la sua statua al centro delle polemiche. Fuorigrotta o piazza Garibaldi?

0
Maradona
Diego Maradona con la maglia del Napoli dopo aver segnato un gol contro il Milan a maggio 1988. Foto Wikimedia Commons

Il dolore per l’improvvisa scomparsa di Diego Armando Maradona ha colpito al cuore la città di Napoli dove, da giorni, si contano a decine le iniziative per commemorare l’idolo degli anni d’oro. Dopo la decisione dell’amministrazione comunale per l’intitolazione al “Diez” lo stadio San Paolo arriva in queste ore quella di collocare una statua che lo rappresenti nel modo più iconico possibile.

Fuorigrotta contro piazza Garibaldi. Dove installare il monumento al Dios?

La richiesta è arrivata in diretta alla trasmissione sportiva “Marte Sport Live” da parte di una delle aziende storiche di raffigurazioni sacre, la Rigione Statue di Napoli. L’obiettivo è quello di riuscire a creare una riproduzione del Pibe de Oro in vetroresina da collocare in città. Proprio la questione della collocazione però sta creando allo stesso tempo alcuni malumori, con alcuni che vorrebbero ammirare l’icona davanti ai cancelli dello stadio e altri che invece la vorrebbero in pieno centro cittadino, a piazza Garibaldi.

Altre iniziative più “istituzionali” saranno presto intraprese nel cuore della città partenopea. La prima è la possibile ridenominazione di Largo Baracche nei quartieri Spagnoli in “Piazza Maradona“. Anche in questo caso un altro monumento potrebbe essere presto eretto in onore di Diego proprio al centro della piazza, almeno così sembrerebbe a sentir parlare Carmine Sgambati, presidente della commissione comunale Sport: “Stiamo lanciando una petizione per costruire la statua di Maradona. Tutto il popolo napoletano potrebbe partecipare alla sua realizzazione. Potrebbe essere installata a Largo Baracche, oppure in un’altra piazza centrale della città”. 

Intanto in molti soprattutto online stanno dimostrando il proprio appoggio ad un’iniziativa aperta su “Change.org” per erigere una statua di Maradona anche nel Quadrato degli Illustri nel cimitero monumentale di Poggioreale. A farsi promotori dell’idea sono stati Gennaro Tammaro, impresario funebre e Alessio Castiello, operatore cimiteriale che spiegano: “Perdere Maradona, per i napoletani, è stato come perdere una persona di famiglia. Per questo, appena appresa la notizia, ci siamo subito attivati per restituire alla città un luogo dove poterlo ricordare e, perché no, piangere“. Le spese per l’icona sarebbero, in questo caso sarebbero a totale carico delle agenzie funerarie aderenti.

Le statue napoletane si andrebbero ad aggiungere alle due già presenti in Argentina. La prima, presente all’interno del museo del Boca Junior, lo ritrae con la maglia dell’Albiceleste e con la mano sul cuore ai mondiali ’86. L’altra invece lo vede “in azione” con la maglia dell’Argentinos Juniors, squadra nella quale esordì nel ’76 e svelata in occasione dei suoi 58 anni. In realtà ce ne sarebbe anche una terza, eretta in India nel 2017 e subito ribattezzata “El Pibe de Horror” per le fattezze alquanto poco somiglianti che non rendono onore al giocatore più forte della storia.