Mark Ruffalo e Rachel McAdams in “Il caso Spotlight”

0

Grande occasione per il regista Tom McCarthy alla cerimonia degli Oscar per il suo nuovo film “Spotlight” basato su vicende reali.

Marty Baron, il nuovo direttore della Boston Globe, decide di cambiare del tutto il mondo in cui i giornalisti investigativi lavorano. Baron vuole altro, vuole realtà, massacro e questioni scottanti. Così rispolvera ciò che nel 2001 la diocesi di Boston cercò in tutti i modi di nascondere. I giornalisti iniziano ad indagare a fondo sugli abusi di minori da parte dei sacerdoti, rivelando così non solo un numero altissimo di vittime ma anche il mondo in cui uno dei giornalisti e i tanti componenti della diocesi avevano cercato di sotterrare il tutto, scegliendo consapevolmente di non risparmiare i tanti bambini che hanno subito e continuano a subire nel silenzio di chi ha paura di denunciare il fatto.
La pellicola, quindi narra le vicende reali venute a galla dopo l’indagine del giornale “The Boston Globe” sull’arcivescovo Bernard Francis Law, che fu accusato di aver nascosto consapevolmente gli eventi di pedofilia.

Tra gli attori protagonisti troviamo oltre a Mark Ruffalo e Rachel McAdams, anche Michael Keaton, Liev Schreiber e John Slattery.

Inoltre la pellicola è tra le nomination agli Oscar per: Miglior regia con Tom McCarthy; Miglior attore non protagonista Mark Ruffalo; Miglior attrice non protagonista Rachel McAdams; Miglior Montaggio e Miglior sceneggiatura originale.