Massacro nella Repubblica Centrafricana: più di 40 cristiani morti

Un gruppo di guerriglieri ex Seleka ha massacrato più di 40 cristiani. Il bilancio dovrebbe salire a 100.

0

Secondo Medici Senza Frontiere, la guerra civile in Repubblica Centraficana avrebbe provocato 690mila sfollati e 570mila fuggitivi richiedenti asilo politico in altri paesi.

Un gruppo di guerriglieri ex Seleka, probabilmente guidati dal generale Ali Darassa, ha fatto irruzione in un campound della cattedrale di Alindao provocando più di 40 vittime cristiane, tra cui due sacerdoti; secondo Aiuto alla Chiesa che Soffre, però, i morti potrebbero arrivare fino a 100.

Ufficialmente questo gruppo si è sciolto nel 2014 ma alcuni ribelli continuano a creare disagio e paura tra la popolazione. Questa strage, infatti, sarebbe una risposta all’uccisione di un fedele musulmano avvenuta il 14 novembre da parte di alcune milizie rivali.