Massimo Boldi racconta l’addio alla Filmauro: “Abbandonai per colpa di De Laurentiis”

0
Massimo Boldi, fonte foto: google

Massimo Boldi, famosissimo per il sodalizio con Christian De Sica negli anni dei cinepanettoni, si è raccontato recentemente tra le pagine della rivista Oggi. Ovviamente il l’argomento principale dell’intervista è stato proprio l’episodio della rottura con la Filmauro e quindi, di conseguenza, con lo storico compagno di set.

Aurelio (De Laurentiis, ndr) era molto ingombrante: decideva cosa andava bene e cosa no nei copioni, interveniva nella sceneggiatura, metteva becco sulle parti da girare insieme e su quelle da recitare da soli”.

Un retroscena importante quindi che cambia le carte in tavola. Si vociferava di un litigio con Christian De Sica, ipotesi smontata però dallo stesso Massimo Boldi. La causa principale infatti, racconta il comico milanese, è proprio da identificare nella presenza ingombrante di Aurelio De Laurentiis. Ecco le sue parole a riguardo.

Ero un po’ stufo, solo. Accettai l’offerta di Medusa e mi misurai con un progetto soltanto mio. Non abbandonai Christian, ma De Laurentiis. Ero un uomo distrutto, avevo perso mia moglie Marisa. Forse un pacca sulle spalle, in quel momento, da parte del mio amico, mi è mancata, lui e sua moglie non vennero nemmeno al suo funerale”.

Un episodio che dà ancor di più l’idea di un Aurelio De Laurentiis sempre molto influente nei suoi progetti e che non si limita al suo ruolo. Tale scenario accade verosimilmente anche nella SSC Napoli, dove infatti non esiste una figura forte di intermediazione tra lui e la squadra.