Massimo Giletti, deluso dalla Rai: “Quando è morto mio padre nemmeno un telegramma”

0
Giletti
Massimo Giletti. Foto account Instagram Non è l'Arena. https://www.instagram.com/p/B_dFb1jq-bB/

Massimo Giletti è uno dei volti noti più amati e applauditi della TV. Il suo programma su La7Non è l’Arena” continua a essere lo show di punta della rete dell’universo Cairo. Gli altissimi ascolti raccontano di un pubblico affezionato e di uno stile che aggrada chi utilizza i servizi televisivi per informarsi sulla politica italiane e straniera, sui temi dell’economia e dell’attualità.

 In questi giorni, però è iniziato a circolare un forte rumor circa un inaspettato ritorno del conduttore piemontese nelle retE ammiraglia della Rai con un nuovo, intrigante progetto TV. Indiscrezione che vorrebbe proprio l’ex mezzo busto della redazione di “Mixer” di Giovanni Minoli alla guida su alcuni format di Rai Uno dall’altissimo profilo.

Peccato che, intervistato da “Super Guida TV“, il conduttore abbia smentito con fermezza qualsiasi voce circa un suo rientro in Rai, sintomo di una collaborazione con LA7 fondata sull’inesauribile fiducia nel suo editore, Urbano Cairo.

A sentire Giletti la differenza nella vita, come nelle scelte professionali, sta tutto nelle relazioni che si intessono nel tempo. A testimonianza di questo l’ex conduttore di Mezzogiorno in Famiglie e “I fatti vostri” rivela: “Io metto i rapporti personali prima di tutto e quindi vedere che il Presidente Cairo, che la notte prima era a Roma, ha preso un aereo ed è corso da me per mettermi una mano sulla spalla in un momento durissimo, è stato sicuramente molto importante”. 

Il riferimento è alla dolorosa scomparsa del padre che ha colpito Giletti lo scorso 4 gennaio. Spiega ancora il giornalista: “Mio padre mi ha insegnato la semplicità, a tenere duro nei momenti difficili e ad avere le spalle larghe. Quando è morto mio padre, la mattina dei funerali mi sono girato e vicino a me ho trovato il Presidente Cairo. La Rai non mi ha mandato nemmeno un telegramma“. Escluso, dunque, una qualsivoglia trattativa con i vertici Rai, tanto che sulla questione Giletti annuncia: “Sono dei bei ricordi quelli in Rai, ma io oggi ho un legame molto profondo con il Presidente Cairo”.