Maurizio Sarri ha la polmonite: la malattia fa preoccupare anche per le 60 sigarette al giorno

0
Maurizio Sarri. Font. foto Instagram

In pochi anni Maurizio Sarri ha completamente stravolto la sua vita. Dal veder giocare calciatori in campetti di periferia, è arrivato fino ad allenare il Napoli e vincere l’Europa League con il Chelsea. Ora, è arrivato alla Juventus e sta dando tutto dal momento che si tratta dell’occasione della vita per vincere non solo diversi Scudetti, ma anche provare ad alzare il trofeo più ambito: la Champions League.

In bianconero, però, l’avventura non è iniziata nel migliore dei modi: non solo dal punto di vista dei risultati, ma anche dal punto di vista personale. In questi ultimi giorni, infatti, il mister è stato costretto al riposo: all’ex Napoli, infatti, è stata diagnosticata una polmonite.

La malattia in questione potrebbe costringere l’ex tecnico napoletano ad uno stop forzato per più giorni e rischia di non vedere esordire i suoi nuovi ragazzi. La sua presenza in campo per la partita con il Parma, infatti, è a forte rischio. Basta pensare che un altro membro dello staff bianconero si è ammalato circa un mese fa ed è ancora in convalescenza.

La malattia, inoltre, come riportato da Repubblica, è aggravata anche dal cospicuo numero di sigarette fumato da parte di Maurizio Sarri. Ogni giorno, infatti, ne fuma oltre sessanta. Considerando che questa situazione va avanti da numerosi anni e che non ha smesso neanche durante questo periodo, la situazione non è delle migliori.

La malattia che ha colpito Maurizio Sarri, quindi, rischia di rovinare i suoi primi mesi in bianconero. Saputa la situazione, da Napoli sono arrivati numerosi messaggi di sostegno per l’ex mister. Nonostante la rivalità, infatti, molti tifosi hanno iniziato ad incoraggiare l’allenatore con la speranza di vederlo in panchina già durante lo scontro diretto, Juventus-Napoli.