Meno Allegri alla Juve, ma nessun dramma dopo Napoli: “Ecco perché sono fiducioso”

0

Notte disgraziata per la Juve. Il San Paolo si rivela la cartina di tornasole di un inizio di campionato con il freno a mano tirato. 5 punti in 6 gare di campionato ne sono una testimonianza emblematica. Napoli festeggia e la Juve soccombe. Tuttavia, parlare di rincorsa al vertice si può. Max Allegri non batte ciglio dopo la disfatta partenopea. Il tecnico toscano della Juve, intervistato nel dopo partita da Sky, rimarca comunque la prestazione dei suoi e pone fiducia nel futuro. Queste le sue parole: “Il Napoli è stato bravo in ripartenze, sono abili in questo. Abbiamo perso diverse palle, il secondo gol nasce da un passaggio sbagliato. Non abbiamo fatto male. Sul gol di Insigne tutto nasce da un lancio lungo. Siamo in difficoltà, è inutile nasconderlo. Ora ci sono due gare difficili e poi la sosta. Non dovremmo avere 5 punti, ma il calcio è questo. Un calcio d’angolo cambia il risultato e oggi prendi gol su due palle perse. Vanno migliorate certe cose, rientreranno alcuni giocatori e avrò più scelta. Stasera, come altre volte, i ragazzi non vanno rimproverati. La squadra non ha fatto una cattiva partita, il risultato condiziona molto. Abbiamo subito a campo aperto, che è la loro forza. All’inizio non ci hanno messo in difficoltà, poi si sono piazzati ed era dura. E ne hanno approfittato. Recuperando certi giocatori possiamo invertire questa negativa tendenza”. L’ambiente bianconero, decisamente in subbuglio, spera che alle parole corrispondano anche i fatti. C’è un’unica medicina per guarire dal torpore di inizio stagione: le vittorie. E alla Juve, ad oggi, si è un po’ tutti meno Allegri.