Messi: “Da tempo volevo giocare al San Paolo. Mi manca una città ma il Barça…”

0

Martedì 25 Febbraio sarà una partita da ricordare per i tifosi napoletani. Per la prima volta, infatti, Leo Messi metterà piede al San Paolo dove affronterà gli azzurri negli Ottavi di Champions League. Il campione argentino è considerato, attualmente, uno dei più forti al Mondo e l’unico capace di ripercorrere quanto fatto da Diego Armando Maradona.

Proprio il calciatore argentino  ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha parlato della partita della prossima settimana e del suo sogno. Ecco i principali aspetti evidenziati: “È da molto tempo che volevo andare a giocare in quello stadio, ma non ci è mai capitato.  Alla fine è arrivato questo momento e sono molto entusiasta di vedere com’è. Anche se è un altro stadio da quando giocava Maradona perché è stato ristrutturato e anche perché la gente è diversa”.

Sarà molto bello giocare lì.  Conosco i napoletani e l’amore folle che hanno per il calcio. Ho avuto compagni di squadra che hanno giocato lì come il Pocho e mi ha raccontato molte cose che ha vissuto e per questo mi fa molto piacere andarci”.

Lionel Messi, nonostante i vari rumors, ha ribadito ancora la sua volontà di restare a Barcellona. In un’intervista di alcune settimane, però, ha aperto aperto il suo cuore ad un’altra città, confermando però la scelta di cuore chiamata Barça: “Amo Barcellona, anche se la mia Rosario mi manca sempre”. “Voglio rimanere qui perché sto bene e sono ancora importante per vincere, non solo perché ho un contratto lungo. Voglio continuare a vincere in questo club e per farlo serve un progetto vincente, la clausola e i soldi non importano nulla per me. Mio padre si occupa del contratto, ma non ne stiamo ancora parlando con il Barça altrimenti me lo avrebbe detto“.

Se Lionel Messi, quindi, un giorno lascerà il Barcellona, il suo futuro potrebbe essere in Argentina. In questi ultimi giorni è stato fantasticato circa un suo possibile approdo al Napoli, ipotesi da scartare completamente. Il monte ingaggi di metà squadra del Napoli, infatti, è percepito solo dall’argentino.