Michael Schumacher: Jean Todt svela qualche dettaglio sui progressi medici dell’amico

0
Michael Schumacher, Fonte Wikipedia

Era il 29 dicembre 2013, Michael Schumacher sfrecciava sulle piste di Meribel, al confine del Parco Nazionale della Vanoise. Non sfrecciava tuttavia con l’iconica Ferrari rossa ma bensì con degli sci.

Poi accadde il dramma. Entrò in un lungo coma farmacologico, causato da un grave incidente avvenuto sulle piste da sci.

Purtroppo le sue condizioni non sembravano migliorare, motivando i famigliari ad autorizzarne il trasferimento nell’ospedale Europeo George Pompidou a Parigi, per subire un trattamento sperimentale top secret.

Jean Todt, ex amministratore delegato della Ferrari e grande amico di Schumacher, ha rilasciato qualche dettaglio riguardo i progressi medici fatti dall’amico, specificando quanto ogni giorno lotti per tornare dai suoi cari.

“Michael sta lottando per migliorare ogni giorno la situazione. Dobbiamo accompagnarlo in questa lotta, supportare sua moglie Corinna, che è una signora fantastica e che si occupa di lui e dei figli.”

Todt si è poi indignato di alcune indiscrezioni sulla salute dell’amico pilota e che sono emerse in questi giorni.

“Sono stupefatto che, quando è venuto a Parigi per un controllo, della gente che dovrebbe privilegiare il segreto medico abbia parlato. Questo onestamente toglie tutta la fiducia, per me è indegno e spero che troveremo la fonte.”

Ha poi concluso rivelando che vede Schumacher quotidianamente per vedere il Gran Premio in tv, augurandosi in un futuro prossimo di riuscire a vederlo insieme.