Michelle Hunziker, Vittorio Feltri su Giovanni Angiolini: “Non mi spiego come sia finita tra le braccia di un medico palestrato che ha fatto il GF”

Il giornalista è tornato a parlare della separazione di Michelle Hunziker da Tomaso Trussardi lanciando frecciatine a Giovanni Angiolini

0
Vittorio-Feltri
Fonte: Wikimedia

Della separazione tra Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi hanno parlato proprio tutti: talk show, giornali di gossip, vip, amici e parenti. Vittorio Feltri, giornalista che conosce la famiglia Trussardi da molto tempo, è tornato a parlare dell’argomento tramite editoriale pubblicato su Novella 2000. Sarà stato clemente il giornalista? Assolutamente no.

Michelle e Tomaso ritorno di fiamma? Per Feltri sì

Nonostante Trussardi sia stato pizzicato con un’altra donna, secondo Feltri le voci sul ritorno di fiamma con la showgirl svizzera sono fondate. “Michelle, un altro Tomaso non lo trovi” ha commentato sull’editoriale il giornalista, il quale non ha risparmiato parole al vetriolo per la conduttrice e per Giovanni Angiolini.

Tanti i complimenti per Tomaso: “È quasi come un figlio per me. Conosco sua madre da quando entrambi non avevamo che dieci anni. Duellavamo a scherma insieme. Conoscevo il padre da sempre, essendo lui bergamasco. […] Tuttavia non ho telefonato al giovane per farmi i fatti suoi. […] Però non dubito affatto che la notizia sia fondata. Del resto, Tomaso è bello, intelligente, onesto, pulito, perbene come suo padre a cui somiglia tanto anche esteticamente.

Feltri su Angiolini: “Medico palestrato che ha fatto il GF”

Non si è risparmiato, invece, su Michelle Hunziker e Giovanni Angiolini: “Non mi spiego come Michelle sia finita tra le braccia di un medico palestrato che ha frequentato la casa del Grande Fratello come Rocco Casalino. E ancora: “La signora deve essersi accorta di avere scambiato il fustino buono con quello sotto marca e non me ne voglia il dottore, senza dubbio in gamba, se azzardo questa esternazione. Ma Tomaso è Tomaso. E non si discute.

“Sono testimone di questa unione pure davanti a Dio. Dovrei incoraggiare i due a correre l’uno tra le braccia dell’altro, forse. Sarei contento se lo facessero, ovvio, ma prima di farlo è necessario che si assicurino che non finisca dopodomani” ha concluso.